Torino - Documento dei prigionieri della XII sezione delle Vallette e presidio solidale

riceviamo e diffondiamo:

Comunicato dei prigionieri della XII sezione Blocco B


I prigionieri della XII sezione del blocco B del carcere di Torino vogliono segnalare con questo documento i disagi che rendono difficili le condizioni già di per sè invivibili all'interno dell'istituto carcere.
Ci premuriamo di indicare la mancanza di qualità e l'insufficiente quantità del vitto.
A tutelare gli interessi dei prigionieri è preposta una commissione degli stessi come organo di controllo. Quest'organo di controllo però agisce male, o peggio non agisce affatto a tutela dei prigionieri.
Arriviamo a questa conclusione in quanto nonostante le reiterate proteste nulla è stato fatto per rendere il vitto migliore.
Facciamo inoltre presente che i prezzi del sopravvitto sono troppo alti, anche a fronte di una situazione economica non facile per le famiglie che li aspettano e sostengono.
Generi di prima necessità come quelli alimentari costano di più rispetto ai prezzi correnti al di fuori del carcere.
Stanto al d.p.r. 230 del 30 giugno 2000 i prezzi del sopravvitto devono essere corrispondenti a quelli dell'area commerciale più vicina al carcere.
Ci chiediamo, allora, come sia possibile che dall'oggi al domani un genere necessario come la carta igienica passi da 1,39 euro a 2,85 euro per poi arrestarsi a 1,93 euro solo dopo svariate proteste.
Rincaro inspiegabile ed inammissibile a fronte di qualità e quantità delle merci rimaste invariate.
Il terzo punto riguarda la mancanza delle più elementari forme di agibilità nei luoghi vissuti collettivamente dai prigionieri. Ci riferiamo in particolare ai passeggi che non dispongono di acqua corrente e di bagni non funzionanti da anni ormai.
Vogliamo quindi l'immediato ripristino dell'acqua corrente e dei bagni in tutti i locali adibiti al passeggio all'aria dei prigionieri.
La XII sezione inoltre ritiene opportuno, data l'eccessiva calura, di usufruire di una doccia supplementare giornaliera.
Chiediamo che le nostre richieste vengano valutate e ci sia data risposta entro e non oltre una settimana.

I prigionieri della XII sezione, blocco B, carcere di Torino.
Seguono le firme di 54 prigionieri.




da macerie

La mobilitazione del blocco B sezione 12 del carcere delle Vallette comincia a dare i primi frutti: dalle notizie che filtrano da dentro, ora i prigionieri possono fare più docce nel corso della giornata e le celle possono rimanere aperte durante la socialità.

Ovviamente, per ottenere queste poche cose, i carcerati hanno dovuto dimostrare la propria determinazione a forza di battiture e di ritardi nei rientri dall’aria. A sostenerli anche solidali da fuori che ieri, durante l’orario dei colloqui, hanno distribuito un volantino con il documento dell’8 luglio che denuncia l’invivibile situazione dentro - dalla calura al caro vitto passando per i passaggi senz’acqua e senza gabinetti. A fine volantinaggio, proprio mentre l’ultimo gruppo di parenti usciva dalle sale colloqui, in trenta hanno dato vita ad un saluto rumoroso e “spadellante” davanti all’ingresso, letto il documento dei prigionieri ed esposto un grande striscione che recitava: «Il carcere è invivibile: distruggiamolo! Solidarietà ai detenuti in lotta.» Alcuni parenti e amici in uscita si sono aggiunti alla protesta mentre le guardie, prese di sorpresa, si sono un po’ agitate e per tutta la durata del saluto i blindi che trasportano i prigionieri sono rimasti bloccati dentro. Insomma: ai carcerieri si possono rompere le scatole da dietro, da davanti, da dentro, da fuori…

Il prossimo appuntamento intorno alle Vallette sarà un presidio con microfono e impianto aperti a tutti coloro che vogliano salutare i prigionieri per domenica pomeriggio dalle ore 18 (appuntamento per le 17.30 al capolinea del 3)… colloquio selvaggio e richieste musicali!

Ven, 20/07/2012 – 18:15
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione