Repressione e solidarietà

Repressione, news e solidarietà

Notav - Arresti e denunce in tutta Italia [aggiornato 6]

Alle 6.30 di questa mattina, giovedì 26 gennaio 2012, un vasta
operazione repressiva su mandato della procura di Torino, ha colpito con
denunce e misure cautelari moltissimi amici, amiche, compagni, compagne e resistenti No Tav in tutta Italia. Le pratiche di resistenza che hanno mosso questa imponente operazione riguradano gli episodi conflittuali a partire dallo sgombero della Libera Repubblica della Maddalena, passando per l'assedio del 3 luglio e la lunga estate Valsusina.

Gio, 26/01/2012 – 09:04

Torino - Arresti e perquisizioni in relazione all'assemblea antirazzista

Questa mattina alle 6.30 una forte azione repressiva nei confronti dell'ex assemblea antirazzista torinese, ha visto una ondata di perquisioni, arresti, notifiche di denunce e sequestri.

I capi di imputazione sono dei più disparati, degni dei più pericolosi "criminali" atti a giustificare le manovre sbirresche di questa mattina: stalking nei confronti dei responsabili dei cie, lesioni personali e del patrimonio, imbrattamenti e scorregge alla volta dei politici.

Il risulta

Mar, 23/02/2010 – 10:47

Comunicato sugli arresti di Bologna

NOTTE DI ORDINARIA DEMOCRAZIA.
ARRESTATI\E E PICCHIATI\E 5 COMPAGNI\E

Questa mattina, sabato 13 ottobre, verso le 04.00, in P.zza Verdi a bologna, nell’indifferenza generale, una ragazza viene fermata e, poiché il suo atteggiamento viene giudicato “anormale”, solerti tutori dell’ordine decidono di riservarle il Trattamento Sanitario Obbligatorio.

Alcuni individui solidali decidono di manifestare il proprio sdegno cercando di ostacolare l’intervento, ma di fronte a questo la polizia risponde con le proprie armi, le manganellate si sprecano e spuntano anche

Sab, 13/10/2007 – 15:52

Repressione - L’Italia incrimina Silvia Costa Billy una seconda volta per i fatti svizzeri

Riceviamo e diffondiamo:

L’Italia incrimina Silvia Costa Billy una seconda volta per i fatti svizzeri

In un precedente comunicato di aggiornamento avevamo scritto della definitiva chiusura del nostro caso in Svizzera dove la rincorsa ai ricorsi sulle macchinazioni da parte dei vari apparati di sicurezza statali italiani e confederati elvetici non avevano portato a nulla, se non che in tema di repressione la collaborazione poliziesca  è sempre forte, soprattutto se i soggetti di interesse sono degli oppositori alla loro democrazia di oppressione.

Mar, 21/10/2014 – 18:25

Bologna | Antifascismo - Comunicato sull'arresto di un compagno

Riceviamo e diffondiamo:

Criminale è chi lascia le piazze ai fascisti!

Non chi si oppone in ogni modo al ritorno delle squallide camicie nere.
Esprimiamo tutta la nostra solidarietà al compagno militante del circolo Iqbal Masih che sabato 18 ottobre è stato arrestato mentre manifestava contro Forza Nuova, al fianco di altre centinaia di antifascisti.

Mar, 21/10/2014 – 18:10

Repressione No Tav - Sostituite misure cautelari per Giobbe

14 ottobre 2014 - Apprendiamo che è stata notificata a Giobbe la sostituzione della misura cautelare per le pratiche di resistenza No Tav di cui è accusato insieme ad altri compagni. Attualmente, rispetto all'obbligo di dimora a cui era sottoposto, la misura è stata tramutata in divieto di dimora a Torino e provincia; pena la restrizione, anche carceraria.

Mar, 21/10/2014 – 17:41

Repressione | Bologna - Appello alla solidarietà con compagni/e sotto processo per i fatti di Piazza Verdi

riceviamo e diffondiamo:

Gli/le indomabili hanno sempre combattuto la normalizzazione.


La normalizzazione ha molti aspetti, alcuni impliciti - come la televisione, gli spot pubblicitari, i 'mi piace', i modelli culturali - ed altri espliciti, taluni addirittura estremamente fisici: il carcere, gli ospedali psichiatrici, i riformatori... In queste strutture i 'deviati' vengono rinchiusi e nascosti all'occhio perbenista, imbottiti di psicofarmaci per essere riportati alla normalità.

Gio, 09/10/2014 – 17:06

Repressione No Tav - "Esiste nei vostri codici di legge una violenza legale e una illegale..."

da macerie

Con queste parole è stata interrotta martedì mattina la requisitoria
della Pm Pedrotta nel cosiddetto processone contro 53 No Tav accusati di
aver partecipato alle giornate del 27 giugno e del 3 luglio 2011.
L’udienza, sospesa, è riniziata solo dopo lo sgombero dell’Aula Bunker e
terminerà con le richieste di condanne da parte dell’accusa.


«Esiste nei vostri codici di legge una violenza legale e una illegale.

Mer, 08/10/2014 – 17:10
Mer, 22/11/2006 – 13:02
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione