Events

Select event terms to filter by
Select event type to filter by
Sabato Settembre 26, 2009
(all day)
Start: 25/09/2009 - 20:00
End: 27/09/2009 - 23:59

Start: 11:00
End: 20:00

Compagne e compagni della Croce Nera di Berlino e di altre
organizzazioni antiautoritarie tedesche hanno indetto una giornata di
solidarietà internazionale per Gabriel Pombo da Silva, rinchiuso nel
carcere di Aachen, e José Fernandez Delgado, rinchiuso nel carcere di
Rheinbach.
La giornata inizierà con un presidio sotto il carcere di Aachen alle
ore 11, in seguito il presidio si terrà sotto il carcere di Rheinbach
alle 14.30 ed infine, alle 18, a Colonia si svolgerà un dibattito
sulla repressione e sulle lotte contro il carcere.
Purtroppo i tempi molto stretti impediscono di dare il vita ad
iniziative solidali simili, ma si spera in futuro di allargare queste
situazioni di lotta anche in altri paesi.
Il sito della CNA-ABC di Berlino è:
www.abc-berlin.net
Lì si trovano il manifesto e il volantino relativi all'iniziativa solidale.

Un abbraccio ribelle e solidale a Gabriel e José
Culmine

Start: 13:00
End: 23:59

Il "Centro di Documentazione FUORICONTROLLO", in collaborazione con Working
Class Savona, organizza il

“Iº TORNEO DI CALCIO ANTIRAZZISTA”

Sabato 26 settembre sul campo in terra battuta di Sant'Ermete (frazione di
Vado Ligure) si incontreranno le squadre
Usei Ecuador, Gli Amici del Mediterraneo, RadioTrafiko, Mojito C.G.,
WorkingClass e AthleticFuoriControllo.
Le partite avranno inizio alle ore 13 e proseguiranno per tutto il
pomeriggio, fino ad arrivare alla finalissima in programma alle 20.  Alle
ore 18 è previsto un dibattito con microfono aperto sul tema immigrazione.

Aggregazione, e non competizione, è la parola d'ordine dell'iniziativa.
Per sottolineare l'aspetto amichevole del torneo, non ci sarà l'arbitro,
bensì un giudice di gara addetto a tenere il conteggio del tempo e dei
gol. Ovviamente eventuali comportamenti violenti verranno puniti con la
sconfitta a tavolino per la squadra responsabile.

Nella quotidianità in cui deliri xenofobi, presenti sia nelle strade sia
nei palazzi governativi, sembrano essere diventati un fenomeno
“normale”, e mentre la ricerca della cosiddetta sicurezza (di chi o
cosa e rispetto a quali rischi non è per niente chiaro...) può portare a
calpestare tutto - diritti, dignità, e persino la vita delle persone -
consideriamo fondamentale manifestare la nostra idea contraria a razzismo,
sessismo, e ad ogni forma d’intolleranza.
Siamo inoltre convinti che sia importante farlo attraverso un’azione
pratica, semplice e viva come un torneo di calcio, aperto a tutti, libero e
plurale, naturalmente portato a facilitare il confronto fra persone e modi
di essere. Una pratica antirazzista lontana dal pietismo e dalla
compassione ma vicina alle persone, auto-organizzata, senza alcun scopo di
lucro e soprattutto solidale.

“Qua non si entra!” grida qualcuno. Così quotidianamente muoiono
persone al largo delle coste italiane. E quotidianamente persone vengono
rinchiuse nei Centri di Identificazione ed Espulsione, vere e proprie
carceri per migranti all’interno delle quali la “legge” prevede il
soggiorno forzato fino a 180 giorni.
E qualcuno ci muore dentro….qualcun'altro, invece, muore per strada
cercando di sfuggire a un controllo di documenti organizzato in grande
stile.
La mancanza di un pezzo di carta che attesti l’appartenenza alla
Comunità Europea è un buon motivo per morire, per essere incarcerato, o
per essere abbandonato su un gommone in mezzo al mare?

Contro il razzismo dilagante, sia esso manifesto o silente.
Per promuovere la conoscenza e il rispetto delle diverse culture.

Invitiamo a partecipare a questa giornata di aggregazione, confronto e
divertimento tutte le persone sensibili all'argomento, le persone che si
sentono oppresse dal crescente clima xenofobo e dalla paranoia sicuritaria,
chi odia il razzismo e l’intolleranza.

Anche chi non ha familiarità con il calcio ma è curioso o interessato è
benvenuto! E avrà la possibilità di scambiare opinioni, idee e proposte.

L'ingresso al campo è ovviamente gratuito. Sarà presente un servizio
ristoro con panini e bevande.

Sant'Ermete si trova a 3 km da Vado Ligure, in direzione Segno. Arrivati al
ponte che passa sopra il torrente, girare a sinistra per la stradina in
salita con il semaforo.

Start: 15:00
End: 18:00

Come ricorderete dopo tre anni di intensa campagna i grandi magazzini La
Rinascente avevano chiamato a colloquio alcuni attivisti di AIP e in seguito
firmato un impegno per una politica aziendale fur-free. L’impegno da parte di
Rinascente era quello di arrivare ad una piena attuazione di tale politica alla
fine dei saldi autunno-inverno 2008/09, con data ultima del 31 gennaio 2009.

Nelle loro stesse parole tale impegno era quello di “eliminare totalmente dai
propri magazzini i prodotti derivanti dall’industria della pelliccia”
(dalla dichiarazione pubblica datata 11 maggio 2007) e di “estendere tale
regola anche ai nostri partners commerciali che operano direttamente nei 14
negozi Rinascente in Italia (...) ed arrivare, come già indicato, entro la
fine dei saldi autunno/ inverno 2008/2009, ad eliminare dai propri magazzini i
prodotti che non rispettino i principi etici adottati” (da una lettera
speditaci in data 9 ottobre 2008).

Attenti e malfidati verso aziende che per principio si basano sul profitto e lo
antepongono a tutto, abbiamo ispezionato molti dei loro punti vendita,
riscontrando purtroppo che con l’inizio della stagione autunno-inverno
2009/10 sono ancora in vendita capi con inserti di vero pelo, con una totale
noncuranza degli impegni presi. Sono infatti presenti nei negozi La Rinascente
di diverse città prodotti in coniglio, volpe e procione, sotto forma di
colletti, cappelli, sciarpe e cappotti, riscontrati all’interno dei corner di
svariati marchi.

Di fronte a questa inadempienza degli accordi presi e dichiarati anche a mezzo
stampa, vogliamo rendere pubblica la mancanza di serietà di questa azienda,
ennesima riprova della sua vera natura, e lanciamo una nuova mobilitazione di
carattere nazionale a partire dal 26 settembre 2009.

Tale mobilitazione, lo rendiamo chiaro, cesserà solo nel momento in cui
all’interno dei punti vendita La Rinascente di tutta Italia non si troveranno
più prodotti derivanti dall’industria della pelliccia, come d’altronde
previsto dagli accordi presi due anni fa.

Se un’azienda come La Rinascente crede di poter prendere in giro gli
attivisti, la campagna e non ultimi gli animali uccisi dall’industria della
pelliccia, è il caso di far capire loro che questo non lo tolleriamo e che a
false promesse e mosse sporche rispondiamo con determinazione.

Invitiamo dunque tutti e tutte per un presidio di protesta davanti al punto
vendita Rinascente di Milano Piazza Duomo, sabato 26 settembre – dalle ore
15.00 alle 18.00.

Contattate La Rinascente e fate sapere che cosa pensate delle loro menzogne e
delle loro mani che continuano a sporcarsi di sangue:

La Rinascente
Via Washington 70
20146 Milano (MI)
Tel: 02-46771
Fax: 02-46771392

mail:
centralino.sede@rinascente.it
comunicazione@rinascente.it

Sul sito www.rinascente.it alla pagina “Contact” potete scrivere
direttamente al servizio clienti dell’azienda.

Start: 15:00

SABATO 26 SETTEMBRE 09

BOLOGNA P.zza VIII AGOSTO DALLE 15.00

PRESIDIO NAZIONALE CONTRO IL PACCHETTO SICUREZZA E LA REPRESSIONE

A SEGUIRE CONCERTO CON:

LA CONGIURA old school

POST FATA RESURGO "crust" with attitude

IL MALE black metal

ISOLAMENTO hardcore

per info 346/5146728

in allegato il volantino

Start: 15:00
End: 19:00

IL PACCHETTO SICUREZZA E’ UN ALTRO ATTACCO ALLA LIBERTA’ DI TUTTI: NON STAREMO A GUARDARE!

Start: 16:00
End: 19:00

Start: 16:00
End: 18:00

in adesione alla nuova mobilitazione nazionale della campagna AIP
contro La Rinascente, si terrà anche a Roma un presidio di protesta
SABATO 26 SETTEMBRE dalle 16.00 presso il punto vendita di Piazza
Fiume

segue il comunicato della campagna AIP:

Come ricorderete dopo tre anni di intensa campagna i grandi magazzini La
Rinascente avevano chiamato a colloquio alcuni attivisti di AIP e in seguito
firmato un impegno per una politica aziendale fur-free. L’impegno da parte di
Rinascente era quello di arrivare ad una piena attuazione di tale politica alla
fine dei saldi autunno-inverno 2008/09, con data ultima del 31 gennaio 2009.

Nelle loro stesse parole tale impegno era quello di “eliminare totalmente dai
propri magazzini i prodotti derivanti dall’industria della pelliccia”
(dalla dichiarazione pubblica datata 11 maggio 2007) e di “estendere tale
regola anche ai nostri partners commerciali che operano direttamente nei 14
negozi Rinascente in Italia (...) ed arrivare, come già indicato, entro la
fine dei saldi autunno/ inverno 2008/2009, ad eliminare dai propri magazzini i
prodotti che non rispettino i principi etici adottati” (da una lettera
speditaci in data 9 ottobre 2008).

Attenti e malfidati verso aziende che per principio si basano sul profitto e lo
antepongono a tutto, abbiamo ispezionato molti dei loro punti vendita,
riscontrando purtroppo che con l’inizio della stagione autunno-inverno
2009/10 sono ancora in vendita capi con inserti di vero pelo, con una totale
noncuranza degli impegni presi. Sono infatti presenti nei negozi La Rinascente
di diverse città prodotti in coniglio, volpe e procione, sotto forma di
colletti, cappelli, sciarpe e cappotti, riscontrati all’interno dei corner di
svariati marchi.

Di fronte a questa inadempienza degli accordi presi e dichiarati anche a mezzo
stampa, vogliamo rendere pubblica la mancanza di serietà di questa azienda,
ennesima riprova della sua vera natura, e lanciamo una nuova mobilitazione di
carattere nazionale a partire dal 26 settembre 2009.

Tale mobilitazione, lo rendiamo chiaro, cesserà solo nel momento in cui
all’interno dei punti vendita La Rinascente di tutta Italia non si troveranno
più prodotti derivanti dall’industria della pelliccia, come d’altronde
previsto dagli accordi presi due anni fa.

Se un’azienda come La Rinascente crede di poter prendere in giro gli
attivisti, la campagna e non ultimi gli animali uccisi dall’industria della
pelliccia, è il caso di far capire loro che questo non lo tolleriamo e che a
false promesse e mosse sporche rispondiamo con determinazione.

Start: 16:30
End: 23:59

 

Chi semina vento... un tempo c'erano i tentacoli dell'Ovra, che spiavano e controllavano ogni forma di dissenso; ora ci sono le reti di video sorveglianza e l'avanzato controllo tecnologico per fare ciò.

Start: 18:00
End: 23:59

SOLIDARIETA', LIBERTA', GIUSTIZIA SOCIALE, AUTODETERMINAZIONE...
AL FIANCO DEGLI ESCLUSI, DEI DIVERSI,
DEGLI EMARGINATI, DEI SENZA PATRIA.
CONTRO IL PESANTE CLIMA SOCIALE CHE RINCHIUDE, RESPINGE, DISCRIMINA, RESTRINGE LE LIBERTA’ INDIVIDUALI E DOVE TROVANO SPAZIO ODIO, INDIFFERENZA E NEOFASCISMO.
PER UN GOLFO SOLIDALE, ACCOGLIENTE E DI NUOVE LOTTE:
SABATO 26 SETTEMBRE A FORMIA
PIAZZETTA DEL MUNICIPIO DALLE 18
CONCERTO CON:
MIDEN VOYAGE (funk latin Formia)
ALWARO NEGRO (SURF PUNK PONTINIA)
TSO (skabluesfusion GAETA)
RTS (oi core NAPOLI)
WOODYCUNTs (oi punk NAPOLI)
ESPOSIZIONI-PROIEZIONI-INTERVENTI-DISSETANTI E CIBI CASALINGHI

Start: 20:00
Start: 26/09/2009 - 20:00
End: 27/09/2009 - 05:00

e-mail:
rdamayday@autistici.org

sabato 26 settembre 2009
SERATA A SOSTEGNO DI GIAN E MASSI
c.s.o.a. rdamayday via delle pianazze SP

Sono passati più di tre mesi da quando lo stato ha strappato e rinchiuso nelle sue straripanti galere 6 compagni accusati di costituire una banda armata.
Tra questi anche due compagni genovesi, Massimo e Gianfranco, deportati assieme ad altri lontano da noi e dai loro familiari.
Attualmente sono reclusi nel carcere di Siano (CZ). Alla loro ribellione la repressione risponde non soltanto col carcere ma anche con l'isolamento e la dispersione, tradizionali strumenti di tortura democratica.
Sono proprio le maglie di questo isolamento che stiamo spezzando poiché, nonostante tutti gli ostacoli e le infamie messi in opera fino ad oggi da magistrati e secondini per indebolire i legami di solidarietà,
NON SMETTIAMO DI SENTIRLI AL NOSTRO FIANCO.
Mentre tutto un sistema pare sia sull'orlo del precipizio i suoi guardiani non possono che difenderlo, preventivamente, da quei ribelli che non desiderano altro che vederlo ridotto in macerie.
Tra chi si batte contro la moderna schiavitù e chi la realizza scientificamente non abbiamo dubbi nell'individuare il vero terrorista.
TERRORISTA E' CHI BOMBARDA, AVVELENA, SFRUTTA E RECLUDE.

Start: 20:00
End: 23:59

sabato 26 settembre 2009
SERATA A SOSTEGNO DI GIAN E MASSI
c.s.o.a. rdamayday via delle pianazze SP

Sono passati più di tre mesi da quando lo stato ha strappato e rinchiuso
nelle sue straripanti galere 6 compagni accusati di costituire una banda
armata.
Tra questi anche due compagni genovesi, Massimo e Gianfranco, deportati
assieme ad altri lontano da noi e dai loro familiari.
Attualmente sono reclusi nel carcere di Siano (CZ). Alla loro ribellione la
repressione risponde non soltanto col carcere ma anche con l'isolamento e
la dispersione, tradizionali strumenti di tortura democratica.
Sono proprio le maglie di questo isolamento che stiamo spezzando poiché,
nonostante tutti gli ostacoli e le infamie messi in opera fino ad oggi da
magistrati e secondini per indebolire i legami di solidarietà,
NON SMETTIAMO DI SENTIRLI AL NOSTRO FIANCO.
Mentre tutto un sistema pare sia sull'orlo del precipizio i suoi guardiani
non possono che difenderlo, preventivamente, da quei ribelli che non
desiderano altro che vederlo ridotto in macerie.
Tra chi si batte contro la moderna schiavitù e chi la realizza
scientificamente non abbiamo dubbi nell'individuare il vero terrorista.
TERRORISTA E' CHI BOMBARDA, AVVELENA, SFRUTTA E RECLUDE.

VOGLIAMO I COMPAGNI LIBERI
VOGLIAMO DISFARCI DI CHI CI NEGA LA VITA

ore 20 cena con forno a legna
(focacce, pizze, verdure)

in concerto...

VERMI (garage-beat psichedelico da Bergamo)
BLACK DAYS (all time blues da Spezia)
LE CAROGNE (garage punk da Imperia)
NO CHAPPI?BOURGEOIS! (rappop subumano da Neirone Nord)

a seguire DJ TONY LIVIDO HCDANCE OR DIE! da Ventimiglia

C.S.O.A. RdAMayDay
http://www.autistici.org/rdamayday/dove.htm
rdamayday@autistici.org

Domenica Settembre 27, 2009
End: 23:59
Start: 25/09/2009 - 20:00
End: 27/09/2009 - 23:59

End: 05:00
Start: 26/09/2009 - 20:00
End: 27/09/2009 - 05:00

e-mail:
rdamayday@autistici.org

sabato 26 settembre 2009
SERATA A SOSTEGNO DI GIAN E MASSI
c.s.o.a. rdamayday via delle pianazze SP

Sono passati più di tre mesi da quando lo stato ha strappato e rinchiuso nelle sue straripanti galere 6 compagni accusati di costituire una banda armata.
Tra questi anche due compagni genovesi, Massimo e Gianfranco, deportati assieme ad altri lontano da noi e dai loro familiari.
Attualmente sono reclusi nel carcere di Siano (CZ). Alla loro ribellione la repressione risponde non soltanto col carcere ma anche con l'isolamento e la dispersione, tradizionali strumenti di tortura democratica.
Sono proprio le maglie di questo isolamento che stiamo spezzando poiché, nonostante tutti gli ostacoli e le infamie messi in opera fino ad oggi da magistrati e secondini per indebolire i legami di solidarietà,
NON SMETTIAMO DI SENTIRLI AL NOSTRO FIANCO.
Mentre tutto un sistema pare sia sull'orlo del precipizio i suoi guardiani non possono che difenderlo, preventivamente, da quei ribelli che non desiderano altro che vederlo ridotto in macerie.
Tra chi si batte contro la moderna schiavitù e chi la realizza scientificamente non abbiamo dubbi nell'individuare il vero terrorista.
TERRORISTA E' CHI BOMBARDA, AVVELENA, SFRUTTA E RECLUDE.

Giovedì Ottobre 1, 2009
Start: 19:00
Start: 01/10/2009 - 19:00
End: 04/10/2009 - 23:59

Giornate internazionali per la libera circolazione delle persone
Lotte contro i centri d'internamento per gli stranieri e contro le
frontiere

Distruggiamo le frontiere!

Barcellona, 1-4 ottobre 2009

CHIAMATA ALL’ INCONTRO - CALL

Incontro internazionale per la libera circolazione delle persone:

lotte contro i CPT, CIE, e frontiere.

Barcellona 1-4 Ottobre

La esistenza delle frontiere implica la necessità di trasgredirle.

Ê importante questionare lo spazio dal quale si parla, la Fortezza Europa,
fondata i rifondata sopra secoli di politica colonialista, che ridefinisce
la repressione di una forma selettiva, inseguendo e penalizzando la libera
circolazione delle persone, trasformando ad alcuni in produttori sotto
controllo e altri in “illegali”, inseguiti e rinchiusi.

Per la sua ridefinizione, la Fortezza Europa crea fronti di guerra,
territori militarizzati; sviluppa tecnologie di controllo sociale ogni
volta più sofisticate; incentiva la figura del nemico interno,
controllato, scovato , eliminato e deportato; criminalizza atti di
solidarietà con gli immigrati, ed estende un rete di lager che, mediante
la complicità e la collaborazione dei paesi di origine degli immigrati,
inizia molto prima di arrivare alle frontiere e si estende per tutta la
Unione Europea.

La definizione dell’altro è fondamentale per la gestione della guerra
capitalista, è il nemico necessario. Gli stessi che sfruttano gli
immigrati, formano i vari secondini di turno, mentre i mezzi di
comunicazione massiva non smettono di propagandare messaggi di un razzismo
protetto e “politicamente corretto”, che la popolazione accetta
attraverso il discorso del multiculturalismo e quando no, attraverso la
paura dell’insicurezza, creando la figura del cittadino sbirro che
denuncia e collabora con il meccanismo dell’espulsione.

Le forme di controllo, oggi, convergono verso un modello unico ogni volta
sempre più repressivo e totalitario. Questo sistema impone delle
condizioni che ai migranti e ai reclusi non lasciano altra alternativa che
lo scontro e la ribellione. A Ceuta e Melilla centinaia di “sin
papeles” si sono uniti per assaltare le frontiere dello stato Spagnolo. A
Lampedusa (Italia), a Vincennes (Francia), a Patras (Grecia), a
Steenokkerzeel (Belgio) e in molti altri luoghi sono stati gli stessi
detenuti che si sono ribellati e organizzati per bruciare le proprie
strutture di reclusione. Conseguentemente a questi fatti, compagni con o
senza permesso di soggiorno, ci siamo mobilizzati di fronte alle frontiere
e ai lager di stato, realizzando azioni, campagne e lotte autorganizzate in
distinti paesi.

Per questo sentiamo l’ urgenza di condividere esperienze di lotta e
abbiamo deciso di convocare un incontro internazionale di discussione e
dibattiti. Vi invitiamo a condividere le vostre idee, tattiche ed
esperienze, e a discutere proposte di strategie future durante le giornate
dal 1 al 4 ottobre.

Durante l’incontro, vogliamo centrarci soprattutto nella resistenza
dentro i CIE e nella solidarietà attiva fuori dai centri. Ci sembra
importante anche trattare il tema delle frontiere Sud e Est d’Europa,
visto che sono le entrate principali, scenario quotidiano della guerra
contro la Fortezza Europa.

Anche se non pensiamo trattare in profondità i temi della regolarizzazione
e del lavoro, visto che dipendono dalla situazione giuridica di ogni paese,
disponiamo del blog antilager.entodaspartes.net per inviare documenti che
possono complementare l’incontro.

Vi invitiamo a inviare informazioni, esperienze, relati e critiche
attraverso documenti scritti o immagini.

L’incontro si svilupperà in spazi liberati di Barcellona e fra tutti
autogestiremo le infrastrutture (cucina collettiva, alloggio e traduzioni
simultanee).

Se volete partecipare all’incontro, per favore mettetevi in contatto .

Esiste un cassa (molto limitata) per finanziare eventuali costi di viaggio.

Se non potete venire, potete inviarci materiale o scritti che metteremo
eventualmente nel blog.

Per partecipare all’incontro e/o inviarci informazioni:

antilager@riseup.net

antilager.entodaspartes.net

Venerdì Ottobre 2, 2009
(all day)
Start: 01/10/2009 - 19:00
End: 04/10/2009 - 23:59

Giornate internazionali per la libera circolazione delle persone
Lotte contro i centri d'internamento per gli stranieri e contro le
frontiere

Distruggiamo le frontiere!

Barcellona, 1-4 ottobre 2009

CHIAMATA ALL’ INCONTRO - CALL

Incontro internazionale per la libera circolazione delle persone:

lotte contro i CPT, CIE, e frontiere.

Barcellona 1-4 Ottobre

La esistenza delle frontiere implica la necessità di trasgredirle.

Ê importante questionare lo spazio dal quale si parla, la Fortezza Europa,
fondata i rifondata sopra secoli di politica colonialista, che ridefinisce
la repressione di una forma selettiva, inseguendo e penalizzando la libera
circolazione delle persone, trasformando ad alcuni in produttori sotto
controllo e altri in “illegali”, inseguiti e rinchiusi.

Per la sua ridefinizione, la Fortezza Europa crea fronti di guerra,
territori militarizzati; sviluppa tecnologie di controllo sociale ogni
volta più sofisticate; incentiva la figura del nemico interno,
controllato, scovato , eliminato e deportato; criminalizza atti di
solidarietà con gli immigrati, ed estende un rete di lager che, mediante
la complicità e la collaborazione dei paesi di origine degli immigrati,
inizia molto prima di arrivare alle frontiere e si estende per tutta la
Unione Europea.

La definizione dell’altro è fondamentale per la gestione della guerra
capitalista, è il nemico necessario. Gli stessi che sfruttano gli
immigrati, formano i vari secondini di turno, mentre i mezzi di
comunicazione massiva non smettono di propagandare messaggi di un razzismo
protetto e “politicamente corretto”, che la popolazione accetta
attraverso il discorso del multiculturalismo e quando no, attraverso la
paura dell’insicurezza, creando la figura del cittadino sbirro che
denuncia e collabora con il meccanismo dell’espulsione.

Le forme di controllo, oggi, convergono verso un modello unico ogni volta
sempre più repressivo e totalitario. Questo sistema impone delle
condizioni che ai migranti e ai reclusi non lasciano altra alternativa che
lo scontro e la ribellione. A Ceuta e Melilla centinaia di “sin
papeles” si sono uniti per assaltare le frontiere dello stato Spagnolo. A
Lampedusa (Italia), a Vincennes (Francia), a Patras (Grecia), a
Steenokkerzeel (Belgio) e in molti altri luoghi sono stati gli stessi
detenuti che si sono ribellati e organizzati per bruciare le proprie
strutture di reclusione. Conseguentemente a questi fatti, compagni con o
senza permesso di soggiorno, ci siamo mobilizzati di fronte alle frontiere
e ai lager di stato, realizzando azioni, campagne e lotte autorganizzate in
distinti paesi.

Per questo sentiamo l’ urgenza di condividere esperienze di lotta e
abbiamo deciso di convocare un incontro internazionale di discussione e
dibattiti. Vi invitiamo a condividere le vostre idee, tattiche ed
esperienze, e a discutere proposte di strategie future durante le giornate
dal 1 al 4 ottobre.

Durante l’incontro, vogliamo centrarci soprattutto nella resistenza
dentro i CIE e nella solidarietà attiva fuori dai centri. Ci sembra
importante anche trattare il tema delle frontiere Sud e Est d’Europa,
visto che sono le entrate principali, scenario quotidiano della guerra
contro la Fortezza Europa.

Anche se non pensiamo trattare in profondità i temi della regolarizzazione
e del lavoro, visto che dipendono dalla situazione giuridica di ogni paese,
disponiamo del blog antilager.entodaspartes.net per inviare documenti che
possono complementare l’incontro.

Vi invitiamo a inviare informazioni, esperienze, relati e critiche
attraverso documenti scritti o immagini.

L’incontro si svilupperà in spazi liberati di Barcellona e fra tutti
autogestiremo le infrastrutture (cucina collettiva, alloggio e traduzioni
simultanee).

Se volete partecipare all’incontro, per favore mettetevi in contatto .

Esiste un cassa (molto limitata) per finanziare eventuali costi di viaggio.

Se non potete venire, potete inviarci materiale o scritti che metteremo
eventualmente nel blog.

Per partecipare all’incontro e/o inviarci informazioni:

antilager@riseup.net

antilager.entodaspartes.net

Start: 10:30
End: 13:00

Ge: Venerdì 2 Ottobre alle ore 10.30 si terrà la seconda udienza che vede imputati 6 compagni per violenza privata e danneggiamento.

Riportiamo i fatti accaduti quel giorno.

Ennesimo omicidio sul lavoro: un ragazzo poco più che trentenne, Enrico Formenti, muore nell'area portuale genovese.

Subito si decise di bloccare i varchi dando fuoco ai copertoni e mettendo dei mezzi pesanti davanti ai cancelli.
Ovviamente i sindacati non appoggiarono quella dimostrazione e chiesero che il blocco venisse smantellato nel corso della giorna ta stessa. I compagni che erano accorsi per dare man forte, e i lavoratori portuali (alcuni di loro facente parte dell'assemblea antifascista) si rifiutarono e andarono avanti con il blocco fino al giorno successivo, quando si decise di bloccare non solo i varchi ma le strade limitrofe creando un gran disagio per gli automobilisti, cercando e ottenendo, un buon risultato in visibilità.
E' proprio in quel momento che si crearono momenti di tensione, nello specifico in 2 casi, quando un tenente di vascello Carlo Loy con la sua BMW cercava di sfondare il blocco ma in tutta risposta si è visto sfondare il parabrezza della sua luccicante macchina, con qualche schiaffone di contorno, bisogna dire che lo stronzo cercando di sfondare il blocco ha preso un compagno alle gambe, fortunatamente senza conseguenze.
Il secondo caso di tensione è avvenuto poco dopo, quando un altro coglione  di nome Stefano Pesci te nta anch'essi di sfondare il blocco, a quest'ultimo non è stato fatto alcun danno, gli si è intimato di andarsene e velocemente, evidentemente comportarsi da bravi ragazzi non è servito a molto visto che lo stronzo con i servi della digos che erano presenti denunciarono un compagno dicendo di averlo visto mentre danneggiava anche la seconda macchina. L'infame si è fatto fare un preventivo da 630euro per i danni subiti alla carrozzeria e si è dichiarato parte civile.

Questo processo vede come imputato anche Gianfranco....potrebbe essere un 'occasione per "riabracciarlo" .

Ai compagni e alle compagne chiediamo di partecipare visto che la morte di un ragazzo sul posto di lavoro non può essere "archiviata" con un semplice processo da tribunale.

Start: 19:30
End: 23:59

L’incontro-dibattito con Lorenzo Bernini (ricercatore in filosofia politica) si terrà venerdì 2 ottobre alle ore 19:30 presso il circolo anarchico “Ettore Bonometti”, in contrada del Carmine, vicolo Borgondio n 6 (BS)

A seguire rinfresco per autofinanziamento.

Scarica il manifesto

Sabato Ottobre 3, 2009
(all day)
Start: 01/10/2009 - 19:00
End: 04/10/2009 - 23:59

Giornate internazionali per la libera circolazione delle persone
Lotte contro i centri d'internamento per gli stranieri e contro le
frontiere

Distruggiamo le frontiere!

Barcellona, 1-4 ottobre 2009

CHIAMATA ALL’ INCONTRO - CALL

Incontro internazionale per la libera circolazione delle persone:

lotte contro i CPT, CIE, e frontiere.

Barcellona 1-4 Ottobre

La esistenza delle frontiere implica la necessità di trasgredirle.

Ê importante questionare lo spazio dal quale si parla, la Fortezza Europa,
fondata i rifondata sopra secoli di politica colonialista, che ridefinisce
la repressione di una forma selettiva, inseguendo e penalizzando la libera
circolazione delle persone, trasformando ad alcuni in produttori sotto
controllo e altri in “illegali”, inseguiti e rinchiusi.

Per la sua ridefinizione, la Fortezza Europa crea fronti di guerra,
territori militarizzati; sviluppa tecnologie di controllo sociale ogni
volta più sofisticate; incentiva la figura del nemico interno,
controllato, scovato , eliminato e deportato; criminalizza atti di
solidarietà con gli immigrati, ed estende un rete di lager che, mediante
la complicità e la collaborazione dei paesi di origine degli immigrati,
inizia molto prima di arrivare alle frontiere e si estende per tutta la
Unione Europea.

La definizione dell’altro è fondamentale per la gestione della guerra
capitalista, è il nemico necessario. Gli stessi che sfruttano gli
immigrati, formano i vari secondini di turno, mentre i mezzi di
comunicazione massiva non smettono di propagandare messaggi di un razzismo
protetto e “politicamente corretto”, che la popolazione accetta
attraverso il discorso del multiculturalismo e quando no, attraverso la
paura dell’insicurezza, creando la figura del cittadino sbirro che
denuncia e collabora con il meccanismo dell’espulsione.

Le forme di controllo, oggi, convergono verso un modello unico ogni volta
sempre più repressivo e totalitario. Questo sistema impone delle
condizioni che ai migranti e ai reclusi non lasciano altra alternativa che
lo scontro e la ribellione. A Ceuta e Melilla centinaia di “sin
papeles” si sono uniti per assaltare le frontiere dello stato Spagnolo. A
Lampedusa (Italia), a Vincennes (Francia), a Patras (Grecia), a
Steenokkerzeel (Belgio) e in molti altri luoghi sono stati gli stessi
detenuti che si sono ribellati e organizzati per bruciare le proprie
strutture di reclusione. Conseguentemente a questi fatti, compagni con o
senza permesso di soggiorno, ci siamo mobilizzati di fronte alle frontiere
e ai lager di stato, realizzando azioni, campagne e lotte autorganizzate in
distinti paesi.

Per questo sentiamo l’ urgenza di condividere esperienze di lotta e
abbiamo deciso di convocare un incontro internazionale di discussione e
dibattiti. Vi invitiamo a condividere le vostre idee, tattiche ed
esperienze, e a discutere proposte di strategie future durante le giornate
dal 1 al 4 ottobre.

Durante l’incontro, vogliamo centrarci soprattutto nella resistenza
dentro i CIE e nella solidarietà attiva fuori dai centri. Ci sembra
importante anche trattare il tema delle frontiere Sud e Est d’Europa,
visto che sono le entrate principali, scenario quotidiano della guerra
contro la Fortezza Europa.

Anche se non pensiamo trattare in profondità i temi della regolarizzazione
e del lavoro, visto che dipendono dalla situazione giuridica di ogni paese,
disponiamo del blog antilager.entodaspartes.net per inviare documenti che
possono complementare l’incontro.

Vi invitiamo a inviare informazioni, esperienze, relati e critiche
attraverso documenti scritti o immagini.

L’incontro si svilupperà in spazi liberati di Barcellona e fra tutti
autogestiremo le infrastrutture (cucina collettiva, alloggio e traduzioni
simultanee).

Se volete partecipare all’incontro, per favore mettetevi in contatto .

Esiste un cassa (molto limitata) per finanziare eventuali costi di viaggio.

Se non potete venire, potete inviarci materiale o scritti che metteremo
eventualmente nel blog.

Per partecipare all’incontro e/o inviarci informazioni:

antilager@riseup.net

antilager.entodaspartes.net

Start: 16:00
End: 20:00
A BARI c'è un LAGER:
il Centro Identificazione ed Espulsione di Bari-Palese

Start: 16:00
End: 20:00

Sabato 3 ottobre presidio al CIE di Gradisca: fermiamo il massacro!
Tra le giornate di lunedì 21 e martedì 22 un nuovo tentativo di fuga di massa dal CIE si è trasformato nell'ennesimo pestaggio degli immigrati detenuti.
Per vedere il video girato dai reclusi: http://www.youtube.com/watch?v=YxAi65bgheA
In solidarietà agli immigrati prigionieri, contro i CIE e contro tutte le leggi razziste varie realtà antirazziste (sinistra critica, anarchici, pacifisti ecc.) hanno indetto un presidio di fronte al CIE per sabato 3 ottobre dalle ore 16.
Il silenzio è complicità..spargete la notizia e partecipate.
Per aggiornamenti sul CIE di gradisca e le lotte negli altri CIE http://nordest.indy.ortiche.net/

Domenica Ottobre 4, 2009
End: 23:59
Start: 01/10/2009 - 19:00
End: 04/10/2009 - 23:59

Giornate internazionali per la libera circolazione delle persone
Lotte contro i centri d'internamento per gli stranieri e contro le
frontiere

Distruggiamo le frontiere!

Barcellona, 1-4 ottobre 2009

CHIAMATA ALL’ INCONTRO - CALL

Incontro internazionale per la libera circolazione delle persone:

lotte contro i CPT, CIE, e frontiere.

Barcellona 1-4 Ottobre

La esistenza delle frontiere implica la necessità di trasgredirle.

Ê importante questionare lo spazio dal quale si parla, la Fortezza Europa,
fondata i rifondata sopra secoli di politica colonialista, che ridefinisce
la repressione di una forma selettiva, inseguendo e penalizzando la libera
circolazione delle persone, trasformando ad alcuni in produttori sotto
controllo e altri in “illegali”, inseguiti e rinchiusi.

Per la sua ridefinizione, la Fortezza Europa crea fronti di guerra,
territori militarizzati; sviluppa tecnologie di controllo sociale ogni
volta più sofisticate; incentiva la figura del nemico interno,
controllato, scovato , eliminato e deportato; criminalizza atti di
solidarietà con gli immigrati, ed estende un rete di lager che, mediante
la complicità e la collaborazione dei paesi di origine degli immigrati,
inizia molto prima di arrivare alle frontiere e si estende per tutta la
Unione Europea.

La definizione dell’altro è fondamentale per la gestione della guerra
capitalista, è il nemico necessario. Gli stessi che sfruttano gli
immigrati, formano i vari secondini di turno, mentre i mezzi di
comunicazione massiva non smettono di propagandare messaggi di un razzismo
protetto e “politicamente corretto”, che la popolazione accetta
attraverso il discorso del multiculturalismo e quando no, attraverso la
paura dell’insicurezza, creando la figura del cittadino sbirro che
denuncia e collabora con il meccanismo dell’espulsione.

Le forme di controllo, oggi, convergono verso un modello unico ogni volta
sempre più repressivo e totalitario. Questo sistema impone delle
condizioni che ai migranti e ai reclusi non lasciano altra alternativa che
lo scontro e la ribellione. A Ceuta e Melilla centinaia di “sin
papeles” si sono uniti per assaltare le frontiere dello stato Spagnolo. A
Lampedusa (Italia), a Vincennes (Francia), a Patras (Grecia), a
Steenokkerzeel (Belgio) e in molti altri luoghi sono stati gli stessi
detenuti che si sono ribellati e organizzati per bruciare le proprie
strutture di reclusione. Conseguentemente a questi fatti, compagni con o
senza permesso di soggiorno, ci siamo mobilizzati di fronte alle frontiere
e ai lager di stato, realizzando azioni, campagne e lotte autorganizzate in
distinti paesi.

Per questo sentiamo l’ urgenza di condividere esperienze di lotta e
abbiamo deciso di convocare un incontro internazionale di discussione e
dibattiti. Vi invitiamo a condividere le vostre idee, tattiche ed
esperienze, e a discutere proposte di strategie future durante le giornate
dal 1 al 4 ottobre.

Durante l’incontro, vogliamo centrarci soprattutto nella resistenza
dentro i CIE e nella solidarietà attiva fuori dai centri. Ci sembra
importante anche trattare il tema delle frontiere Sud e Est d’Europa,
visto che sono le entrate principali, scenario quotidiano della guerra
contro la Fortezza Europa.

Anche se non pensiamo trattare in profondità i temi della regolarizzazione
e del lavoro, visto che dipendono dalla situazione giuridica di ogni paese,
disponiamo del blog antilager.entodaspartes.net per inviare documenti che
possono complementare l’incontro.

Vi invitiamo a inviare informazioni, esperienze, relati e critiche
attraverso documenti scritti o immagini.

L’incontro si svilupperà in spazi liberati di Barcellona e fra tutti
autogestiremo le infrastrutture (cucina collettiva, alloggio e traduzioni
simultanee).

Se volete partecipare all’incontro, per favore mettetevi in contatto .

Esiste un cassa (molto limitata) per finanziare eventuali costi di viaggio.

Se non potete venire, potete inviarci materiale o scritti che metteremo
eventualmente nel blog.

Per partecipare all’incontro e/o inviarci informazioni:

antilager@riseup.net

antilager.entodaspartes.net

Mercoledì Ottobre 7, 2009
Start: 18:30
End: 23:59

spazio di documentazione Il Grimaldello
Via della Maddalena 81 r

Mercoledì 7 ottobre - h 18,30

Aperitivo di sottoscrizione e proiezione di

DIVIDE ET IMPERA

Video contro la strategia del dominio di alimentare e diffondere idioziaed
odio razziale per sfruttarci indisturbatamente e contro una delle
conseguenze di questa dittatura del denaro: i lager.
Edito progettorizoma.org in occasione di un'iniziativa all'università "LaSapienza" di Roma all'interno della settimana di lotta contro i CIE.

Giovedì Ottobre 8, 2009
Start: 11:00
End: 14:00

Giovedì 8 ottobre - dalle ore 11.00

in largo Saluzzo, San Salvario - Torino

Sorvegliateci i Maroni!

GIORNATA CONTRO LA SORVEGLIANZA SPECIALE

Per chi fosse interessato ad organizzare la giornata ci sarà una assemblea preparatoria alla sede di Radio Blackout alle 19.00 di martedì prossimo.

Start: 11:00
End: 13:00
"Seconda udienza del processo degli arrestati in seguito ai fatti del 15
gennaio 2008

Giovedì 8 ottobre 2008 alle ore 11.00 si terrà al Tribunale di Torino la
seconda udienza del processo dei 2 arrestati del 15 gennaio 2008 durante il
blocco stradale in Corso Regina Margherita.

L'accusa contro di loro è resistenza aggravata e lesioni aggravate ai
danni di uno sbirro (un presunto livido al ginocchio...)

Ecco la cronaca dei fatti del 15 gennaio 2008 che portarono agli arresti di
3 compagni e al fermo di altri 2:

tratta da http://www.informa-azione.info/ del 16-01-08
Start: 19:00
End: 23:59

l Tuttinpiedi presentazione del libro e video su
"Delta in rivolta - suggerimenti da una <<insurrezione asimmetrica>>"
parteciperà un compagno della C.E. Porfido

"Nella foreste di mangrovie passano le barche dei guerriglieri del MEND. Portano le bare dei compagni uccisi in un'imboscata dell'esercito. La gente saluta dai pontili, molti hanno le armi in pugno. La guerra contro la Shell, Agip, Chevron....qui, è la gente di tutti."

I popoli del Delta del Niger, in Africa, lottano per la
libertà, per la loro emancipazione, contro lo sfruttamento
e la devastazione ambientale e sociale delle multinazionali
del petrolio

A seguire un piatto di pasta.....gratis

Tuttinpiedi, p.zza Canova 1
Lat. V.le San Marco
Mestre-Venezia

Start: 21:00
End: 23:59

SETTIMANA ANTIMILITARISTA

La guerra è qui. Anche se la rimuoviamo. Anche se non vogliamo vederla.

A fianco a noi sono i laboratori in cui si progettano e sperimentano le nuove tecnologie belliche. A fianco a noi sono le banche che finanziano il mercato degli armamenti. A fianco a noi governo e Provincia di Trento vorrebbero costruire una cittadella militare in grado di ospitare 1600 soldati di professione.

Start: 21:00
End: 23:59

CIÒ CHE CHIAMIAMO PROGRESSO
È QUESTA TEMPESTA
DAL NUCLEARE ALLE ENERGIE “RINNOVABILI” COME STRUMENTO DI PRODUZIONE DI MORTE, INQUINAMENTO E CONTROLLO SOCIALE.
SUI POSSIBILI MODI PER PORVI RIMEDIO

Cinque incontri per iniziare a discutere

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, ORE 21: proiezione del film-documentario “Biùtiful Cauntri”.
Allevatori che vedono morire le proprie pecore per la diossina. Contadini che coltivano terre inquinate dalle vicine discariche. Voci e immagini da una terra violata, consumata dall’alleanza fra un Nord operoso e senza scrupoli e le nuove forme della criminalità organizzata, raccontata con immagini inedite del traffico illecito dei rifiuti.

VENERDÌ 9 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dell’opuscolo “Scarti di produzione. Cronache e riflessioni sulla devastazione di un territorio” e discussione con alcuni compagni da Napoli sull’emergenza rifiuti in Campania e le lotte sociali scaturite nel 2008.
È il sistema produttivo industriale la causa della situazione in cui versa il nostro pianeta e che ha reso i nostri territori delle enormi discariche. Viene chiesta maggiore energia per produrre tonnellate di oggetti inutili, fino a restare sommersi da rifiuti che non si sa più dove mettere.

VENERDÌ 16 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dei testi della mostra “Una volta per tutte. Per il rilancio dell’opposizione al nucleare e al mondo che lo produce”.
Il nucleare è il frutto di quella Ragion di Stato che vede nella tutela dell’ambiente un intralcio all’industria, arrivando a dichiarare folli le preoccupazioni circa la salute del pianeta.
A SEGUIRE, proiezione del film-documentario “La messa delle cinque”, su una resistenza antinucleare in Francia.

VENERDÌ 23 OTTOBRE, ORE 21: presentazione del libro “Delta in rivolta. Pirateria e guerriglia contro le multinazionali del petrolio”.
La Nigeria affondata dallo sfruttamento selvaggio di compagnie petrolifere quali Shell, Agip e Chevron, tra devastazione ambientale e resistenze alle politiche neocoloniali. A SEGUIRE, proiezione del documentario “Delta oil’s dirty business”.

VENERDÌ 30 OTTOBRE, ORE 21: L’imbroglio delle energie alternative o rinnovabili. dibattito e diffusione di materiale contro-informativo.
A cosa e a chi serve produrre sempre maggiore energia? Non ci interessa trovare fonti con cui far funzionare giorno e notte le industrie e tenere accesi miliardi di elettrodomestici. Non ci interessa far funzionare una società come la nostra, capace di insanguinare il pianeta con le sue guerre o di fabbricare alimenti sempre più adulterati e manipolati.

CIRCOLO ANARCHICO, VIA MASSAGLIA 62/B LECCE
peggio2008@yahoo.it
www.guerrasociale.blogspot.com

NEL CORSO DI TUTTE LE SERATE,
A PARTIRE DALLE 20 ESPOSIZIONE
MOSTRA CONTRO IL NUCLEARE, DIFFUSIONE DI STAMPA
E BUFFET BENEFIT.

Venerdì Ottobre 9, 2009
Start: 16:30
End: 21:00

Venerdì 9 ottobre, ritrovo ore 16,30; ore 17 circa inizio presentazione, da parte di uno degli organizzatori, dell'iniziativa e del corteo contro l'Efsa che si terrà a Parma il 31 ottobre, a seguire discussione e scambio di idee.

presso lo spazio di documentazione Lo Sconfino, via Rossini 45 , Ivrea, quartiere san Grato. per info scrivere alla redazione de La Clessidra: nicolas.vive@yahoo.it

Start: 17:00
End: 21:00

presidio con proiezione filmato sul lager per immigrati e banchetto di materiale informativo contro il pacchetto sicureza e e le leggi razziali

venerdì 9 ottobre h 17
piazza raibetta genova

Start: 19:00
End: 23:59
VENERDì 9 OTTOBRE ALLE 19.00

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA EDIZIONE DEL LIBRO: 

IL SALTO
( SPUNTI DI ANALISI E CRITICA SULLA TEMATICA ANIMALISTA)

PRIMA CI SARà UN APERITIVO BUFFET VEGAN BENEFIT PER GLI ANIMALI DELLA VILLA. SALVATI DAI MACELLI (SPESE VETERINARIE E CIBO).

GUARDATEVI IL MANIFESTINO!!!!

VILLAVEGANOCCUPATA. VIA LITTA MODIGNANI 66 AFFORI MILANO
BUS 40 41 OPPURE STAZIONE TRENI MILANO NORD AFFORI

Start: 20:00
End: 23:57

Dibattito e presentazione del libro:

“Parma 25 agosto 1972. Omicidio di Mariano Lupo”

con l’autore Piermichele Pollutri,del Centro Studi Movimenti Parma e Andrea Zini, ricercatore presso l’Università di Reggio Emilia
L’incontro si terrà venerdì 9 ottobre alle ore 20:00 presso il Circolo Anarchico “Ettore Bonometti”, in Contrada del Carmine, vicolo Borgondio n 6 (BS)

Start: 21:00
End: 23:59

CIÒ CHE CHIAMIAMO PROGRESSO
È QUESTA TEMPESTA
DAL NUCLEARE ALLE ENERGIE “RINNOVABILI” COME STRUMENTO DI PRODUZIONE DI MORTE, INQUINAMENTO E CONTROLLO SOCIALE.
SUI POSSIBILI MODI PER PORVI RIMEDIO

Cinque incontri per iniziare a discutere

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, ORE 21: proiezione del film-documentario “Biùtiful Cauntri”.
Allevatori che vedono morire le proprie pecore per la diossina. Contadini che coltivano terre inquinate dalle vicine discariche. Voci e immagini da una terra violata, consumata dall’alleanza fra un Nord operoso e senza scrupoli e le nuove forme della criminalità organizzata, raccontata con immagini inedite del traffico illecito dei rifiuti.

VENERDÌ 9 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dell’opuscolo “Scarti di produzione. Cronache e riflessioni sulla devastazione di un territorio” e discussione con alcuni compagni da Napoli sull’emergenza rifiuti in Campania e le lotte sociali scaturite nel 2008.
È il sistema produttivo industriale la causa della situazione in cui versa il nostro pianeta e che ha reso i nostri territori delle enormi discariche. Viene chiesta maggiore energia per produrre tonnellate di oggetti inutili, fino a restare sommersi da rifiuti che non si sa più dove mettere.

VENERDÌ 16 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dei testi della mostra “Una volta per tutte. Per il rilancio dell’opposizione al nucleare e al mondo che lo produce”.
Il nucleare è il frutto di quella Ragion di Stato che vede nella tutela dell’ambiente un intralcio all’industria, arrivando a dichiarare folli le preoccupazioni circa la salute del pianeta.
A SEGUIRE, proiezione del film-documentario “La messa delle cinque”, su una resistenza antinucleare in Francia.

VENERDÌ 23 OTTOBRE, ORE 21: presentazione del libro “Delta in rivolta. Pirateria e guerriglia contro le multinazionali del petrolio”.
La Nigeria affondata dallo sfruttamento selvaggio di compagnie petrolifere quali Shell, Agip e Chevron, tra devastazione ambientale e resistenze alle politiche neocoloniali. A SEGUIRE, proiezione del documentario “Delta oil’s dirty business”.

VENERDÌ 30 OTTOBRE, ORE 21: L’imbroglio delle energie alternative o rinnovabili. dibattito e diffusione di materiale contro-informativo.
A cosa e a chi serve produrre sempre maggiore energia? Non ci interessa trovare fonti con cui far funzionare giorno e notte le industrie e tenere accesi miliardi di elettrodomestici. Non ci interessa far funzionare una società come la nostra, capace di insanguinare il pianeta con le sue guerre o di fabbricare alimenti sempre più adulterati e manipolati.

CIRCOLO ANARCHICO, VIA MASSAGLIA 62/B LECCE
peggio2008@yahoo.it
www.guerrasociale.blogspot.com

NEL CORSO DI TUTTE LE SERATE,
A PARTIRE DALLE 20 ESPOSIZIONE
MOSTRA CONTRO IL NUCLEARE, DIFFUSIONE DI STAMPA
E BUFFET BENEFIT.

Start: 21:00
End: 23:59

SETTIMANA ANTIMILITARISTA

La guerra è qui. Anche se la rimuoviamo. Anche se non vogliamo vederla.

A fianco a noi sono i laboratori in cui si progettano e sperimentano le nuove tecnologie belliche. A fianco a noi sono le banche che finanziano il mercato degli armamenti. A fianco a noi governo e Provincia di Trento vorrebbero costruire una cittadella militare in grado di ospitare 1600 soldati di professione.

Sabato Ottobre 10, 2009
Start: 15:30
End: 19:00

0 OTTOBRE 2009 - CORTEO CONTRO IL "PACCHETTO SICUREZZA".

Lo scorso 23 luglio il senato ha approvato in via definitiva il cosiddetto"pacchetto sicurezza",
ovvero una serie di leggi razziali e liberticide che, ben lungi dal farci"sentire più sicuri", ci rendono
tutti sicuramente meno liberi e più soggetti alla violenza coercitiva del potere statale.
Questo "pacco!!!" contiene leggi deliranti che rendono legali le "ronde"(versione aggiornata
dello squadrismo fascista); che danno la possibilità a chi, fra ilpersonale medico e paramedico ha
pruriti razzisti di denunciare gli immigrati "irregolari" che si recano inospedale per curarsi; che
prolunga la permanenza nei "campi di concentramento" (C.I.E.); chepermette di arrestare chi
fa una scritta sul muro, chi occupa, chi protesta o semplicemente rispondein malo modo ad un
pubblico ufficiale. Insomma, prove tecniche di regime!!!
Di questa legge si muore: sempre più immigrati svolgono lavori insicuricon trattamenti disumani
sotto il ricatto di perdere il permesso di soggiorno. E' dello scorso mesela notizia di una giovane donna
rumena morta a causa di un aborto spontaneo, perchè non è andataall'ospedale per paura di essere denunciata.
E che dire dei pestaggi giornalieri all'interno dei C.I.E.? Di chi ingoialamette per non essere rimpatriato o
peggio per non finire in un campo di concentramento nel deserto libico?
Contro questa logica assassina abbiamo deciso di opporci!
Anche ad Alessandria questa pratica la fa da padrona. L'attuale giuntacomunale ha dedicato la biblioteca
pubblica ed un circolo culturale all'ex sindaco leghista e razzistaFrancesca Calvo. Sindaco che cercò di ammettere
agli asili e alle scuole materne solo i bambini stranieri muniti delcertificato di sana e robusta costituzione.
Che solidarizzava con Haider, che faceva multare i mendicanti, chechiudeva il SERT e i luoghi di culto per i mussulmani
e che arrivò a far rimpatriare 125 profughi di guerra curdi. Inoltre fucolei che, indagata per l'alluvione
del 1994, per distogliere l'attenzione dalle sue colpe progettòl'abbattimento dello storico ponte
della "cittadella" e la costruzione di un nuovo ponte utile solo perarricchire i soliti speculatori.
Ma Alessandria è anche altro. Proprio in quegli anni la mobilitazione deilavoratori immigrati si
sviluppò in una vasta campagna per il diritto alla casa e riuscì adottenere per prima in Italia
l'accesso alle case popolari ai non italiani. A dimostrazione che la lottapaga! ebbe la capacità di
indire numerose manifestazioni per richiedere lavoro e paridignità.(1)Nel corteo per il 1 maggio 1991, gli immigrati scesero inpiazza e riuscirono ad ottenere un dormitorio,una mensa e doccie gratis pertutti i lavoratori, stranieri e non.L'anno successivo invece, si ottenne ilrinnovo per 4 anni del permesso di soggiorno per 5600 immigrati a cui erascaduto. Ed inoltre si diede vita ad una scuola autogestita
per l'apprendimento della lingua italiana. Fra i più accesi animatori diquesta stagione di lotta, vi erano il
compagno Urbano ed altri libertari.
Nel momento in cui il comune di Alessandria di centro-destra, non che i(centro)"sinistri" siano meglio, si
affianca alla linea governativa razzista e repressiva e fa opera dibeatificazione della Calvo attuando l'abbattimento
del ponte storico della cittadella e la costruzione del nuovo ponte comeprogettato dall'ex sindaco:
è necessario dare vita ad una vasta mobilitazione che riaffermi i valoridi libertà, solidarietà, antirazzismo!
Combattiamo il "pacchetto sicurezza": fermarlo si può, perchè lottarelottare contro l'ingiustizia si deve!
Ad Alessandria il 10 ottobre 2009 corteo con concentramento alle ore 15,30in corso Crimea (giardini della stazione).
A fine corteo cena di finanziamento per l'iniziativa e concerto finale alLaboratorio Anarchico PerlaNera,
via Tiziano 2 (parcheggio F.S.).
Invitiamo tutti i compagni a partecipare e a farci pervenire al piùpresto possibile la loro adesione.
Per contatti: lab.perlanera@libero.it
Salvatore - 3474025324

LABORATORIO ANARCHICO PERLANERA, COMITATO LAVORATORI CILENI IN ESILIO,
CSA LACANDONA di Valenza, U.S.I. ALESSANDRIA, INDIVIDUALITA' ANARCHICHEDI
ALESSANDRIA.

1) Promemria per le mobilitazioni di quegli anni:
Nel 1990 Urbano diede vita alla Associazione lavoratori immigrati di
Alessandria e provincia che con la mobilizzazione dei lavoratori immigrati e
con alcuni compagni libertari riuscirono a dimostrare che la lottapaga!!!Il
1° maggio 1991 gli immigrati scesero in piazza senza sindacati epartiti a
rivendicare i diritti dei lavoratori con slogan: LAVORO GIUSTIZIA ELIBERTA',
erano riusciti con manifestazioni e lotte ad ottenere un dormitorio, seidocce
pubbliche ,una mensa per gli immigrati anche di passaggio e per gliitaliani
disoccupati. Nel 1992,erano scaduti tutti i permessi di soggiorno dellalegge
Martelli e per rinnovarli il Ministro dell'interno Margherita Boniveraveva
chiesto di presentare:il modello 101 oppure un conto in banca perdimostrare il
proprio mantenimento - contratto di lavoro - contratto di
locazione'associazione degli immigrati e provincia scesero in piazza a
manifestare e per dimostrare che era impossibile avere quei requisitivisto
che i lavoratori immigrati lavoravano in nero perchè i datori di lavoro,
approfittandosi delle loro difficoltà non avevano applicato nessun contratto
in regola e tra presidi e proteste sono riusciti ad ottenere dal Prefettodi
Alessandria il rinnovo per 5600 immigrati all'ora residenti nellaprovincia di
Alessandria per 4 anni .Sviluppò una vasta campagna per il diritto allacasa e
riuscì ad ottenere per prima in Italia l'accesso alle case popolari ainon
italiani, diede vita ad una scuola autogestita per l'apprendimento dellalingua
italiana Quelle furono le vittorie più importanti ottenute con la lottedegli
immigrati che hanno partecipato in prima persona con una propriaorganizzazione.
Nell'arco degli anni alcune città della Liguria e nella città di Cremona
chiesero aiuto all'Associazione degli immigrati di Alessandria perautogestirsi
e per creare delle organizzazioni di immigrati con le stessecaratteristiche di
quelle di Alessandria Libera - autonoma - e indipendente!

Start: 16:00
End: 23:59

INTOLLERANZE PERICOLOSE

Scarica il volantino in .pdf

Sentiamo sempre più la necessità di parlare del pericolo fascista. Non è la prima volta che lo facciamo e oggi vogliamo farlo in maniera diversa, con altre prospettive.
Da qualche tempo stiamo assistendo al proliferare di forze politiche che fanno dell’intolleranza la propria bandiera e con le loro politiche reazionarie tentano di radicarsi all’interno delle classi sociali più disagiate. Partiti come la Lega Nord, gruppi e gruppuscoli dell’estrema destra (La Destra, Forza Nuova, Fiamma Tricolore, CasaPound solo per citarne alcuni) ci offrono uno scenario terrificante dove la guerra fra poveri e l’odio verso il diverso diventano l’unico strumento per migliorare la propria condizione di vita.
Prima a Roma, poi a Milano, ora a Torino e in provincia, e anche nella nostra città, i fascisti stanno cercando di emergere in ogni loro forma organizzata, aprendo nuove sedi un po’ ovunque.
Davanti a questa situazione non si può restare solo a guardare: le cose stanno peggiorando e bisogna reagire, anche in fretta. Non possiamo permettere che nelle nostre città, nei nostri quartieri e soprattutto nelle nostre periferie i fascisti escano dalle fogne e agiscano tranquillamente alla luce del sole.
Questa iniziativa non vuole essere soltanto un evento culturale per ricordare la Lotta Partigiana e la Resistenza al nazifascismo nella sua totalità, bensì un’occasione per discutere di pratiche di lotta contro le organizzazioni fasciste e contro la deriva fascistoide della nostra società.

Contro il fascismo! Contro il razzismo!

Programma della Giornata

Ore 16:00
Proiezione del documentario “Lotta partigiana in Val Chisone”. A seguire dibattito e discussione con e fra Partigiani.

Ore 18:30
Presentazione del libro “L'educatore Pietro. Il commissario politico come figura pedagogica della Resistenza” di Silavano Calvetto. A seguire aperitivo, con proiezione del film “Achtung! Banditi!” di Carlo Lizzani.

Ore 21:00
Letture musicate tratte da “I giorni veri” di Anna Zangrandi, partigiana nel Cadore. Durante le letture sarà proiettato il film “Le quattro giornate di Napoli” di Nanni Loy.

Per tutta la giornata sarà possibile vedere due mostre sui GAP e su una banda partigiana della Val Chisone.

sabato 10 ottobre - dalle 16 in avanti
Piazza Martiri - Ala Coperta - Carmagnola

Start: 16:00
End: 19:00

SABATO 10 OTTOBRE dalle ore 16.00
a LIVORNO in PIAZZA CAVOUR
ESPOSIZIONE MOSTRA CONTRO IL NUCLEARE E MOSTRA SU MARCO CAMENISCH

FERMIAMO LA MORTE NUCLEARE

"La rivitalizzazione di una vasta mobilitazione contro la mafia dell'atomo, i loro impianti attuali e piani d'ampliamento è ovviamente urgente.

Start: 16:00
End: 23:59

SETTIMANA ANTIMILITARISTA

La guerra è qui. Anche se la rimuoviamo. Anche se non vogliamo vederla.

A fianco a noi sono i laboratori in cui si progettano e sperimentano le nuove tecnologie belliche. A fianco a noi sono le banche che finanziano il mercato degli armamenti. A fianco a noi governo e Provincia di Trento vorrebbero costruire una cittadella militare in grado di ospitare 1600 soldati di professione.

Start: 18:00
End: 21:00

AL FIANCO DEI POPOLI IN LOTTA PER L’AUTODETERMINAZIONE!
Inoltriamo l'appuntamento a Padova per la presentazione del
libro delta in rivolta.
www.cpogramigna.org

SABATO 10 OTTOBRE h.18.00 SALA LEGAMBIENTE, PIAZZA CADUTI
DELLA RESISTENZA, EX TOSELLI, CAPOLINEA BUS 9

Presentazione del libro “Delta in Rivolta”
sulla lotta del Movimento per l’Emancipazione del Delta
del Niger contro il saccheggio del petrolio da parte elle
multinazionali occidentali e la devastazione del loro
territorio

Seguirà video “Delta Oil Dirty Business” di Yorgos
Augeropoulos
e Buffet

Centro di Documentazione “Comandante Giacca”
comandantegiacca@libero.it

Collettivo Autonomo Studentesco Nuova Resistenza

Start: 20:00
End: 23:59
sabato 10 ottobre cena + sound system benefit inguaiati con la legge c/o Arci di Soresina (cr) via Bertesi 2  zona centro.
cibo vegano-vegetariano-carnivoro a seguire musica "free style"...
Start: 21:00
Start: 10/10/2009 - 21:00
End: 11/10/2009 - 05:00

Proiezioni, Reading e Concerti Resistenti
Sabato 10 ottobre 2009

Ore 21:00

PROIEZIONI PARTIGIANE:

- "La collina rossa. Voci della Resistenza"
regia di Andrea Castagna,
sceneggiatura e interviste
a cura di Archivi della Resistenza
Circolo Edoardo Bassignani (2005)

- "Fino al cuore della rivolta. Breve
storia del partigiano Carlin"
regia di Andrea Castagna,
sceneggiatura e interviste a cura
di Archivi della Resistenza
Circolo Edoardo Bassignani (2005)

- "EROI NESSUNO. Racconto partigiano di Luigi Fiori"
realizzato da BeroMedia (2008)

- “Si cantava ma in silenzio… ”
estratti dagli archivi a cura di
Andrea Castagna e Archivi della Resistenza
Circolo Edoardo Bassignani (2007)

ore 23:30

READING RESISTENTE:

Lettura di Brani tratti da:

"I GIORNI VERI"
di Giovanna "Anna" Zangrandi
(Le Mani-Microart'S, 2008):

"COLPI DI GRAZIA"
di Paolo Bertolani
(il Melangolo, 2008)

Ore 00:00

MUSICA DAL VIVO

I CANTI RAMINGHI (Ex Bandito Maria)

DAVIDE GIROMINI REDELNOIR
+ APUAMATER DUO (Ballate di fine Comunismo)

a seguire e fino a tarda notte:
DJ SET ANTIFASCISTA

--
CSOA R.D.A. MayDay
via delle pianazze 29 La Spezia

Start: 21:00
End: 23:59

Sabato 10 ottobre 2009 

Torre Maura Occupata
Via delle Averle 10
Bus 105 – 556 – 312 Trenino Roma Giardinetti

Concerto con:

NEID playsfat (Viterbo)

BLATO IDEA punk rock (Ragusa)

VERMENARA hc punk (Roma)

WHAT? hc punk (Acilia)

Cena Vegan – Birreria – Distro Anarchica – Demasterizzazione Selvaggia – Gran Bazar Der Raccatto

BENEFIT PRO–LIGHT!!!!

 

Start: 21:30
End: 23:59

Domenica Ottobre 11, 2009
End: 05:00
Start: 10/10/2009 - 21:00
End: 11/10/2009 - 05:00

Proiezioni, Reading e Concerti Resistenti
Sabato 10 ottobre 2009

Ore 21:00

PROIEZIONI PARTIGIANE:

- "La collina rossa. Voci della Resistenza"
regia di Andrea Castagna,
sceneggiatura e interviste
a cura di Archivi della Resistenza
Circolo Edoardo Bassignani (2005)

- "Fino al cuore della rivolta. Breve
storia del partigiano Carlin"
regia di Andrea Castagna,
sceneggiatura e interviste a cura
di Archivi della Resistenza
Circolo Edoardo Bassignani (2005)

- "EROI NESSUNO. Racconto partigiano di Luigi Fiori"
realizzato da BeroMedia (2008)

- “Si cantava ma in silenzio… ”
estratti dagli archivi a cura di
Andrea Castagna e Archivi della Resistenza
Circolo Edoardo Bassignani (2007)

ore 23:30

READING RESISTENTE:

Lettura di Brani tratti da:

"I GIORNI VERI"
di Giovanna "Anna" Zangrandi
(Le Mani-Microart'S, 2008):

"COLPI DI GRAZIA"
di Paolo Bertolani
(il Melangolo, 2008)

Ore 00:00

MUSICA DAL VIVO

I CANTI RAMINGHI (Ex Bandito Maria)

DAVIDE GIROMINI REDELNOIR
+ APUAMATER DUO (Ballate di fine Comunismo)

a seguire e fino a tarda notte:
DJ SET ANTIFASCISTA

--
CSOA R.D.A. MayDay
via delle pianazze 29 La Spezia

Start: 15:00
End: 23:59

SPAZIO LIBERTARIO ‘SOLE E BALENO’

DOMENICA 11 OTTOBRE 2009

 

Start: 16:00

Presidio sotto le mura del carcere a partire dalle 16.00.
Per prendere contatto con i detenuti ed estendere la solidarietà.

 

 

Start: 18:00
End: 23:59

SETTIMANA ANTIMILITARISTA

La guerra è qui. Anche se la rimuoviamo. Anche se non vogliamo vederla.

A fianco a noi sono i laboratori in cui si progettano e sperimentano le nuove tecnologie belliche. A fianco a noi sono le banche che finanziano il mercato degli armamenti. A fianco a noi governo e Provincia di Trento vorrebbero costruire una cittadella militare in grado di ospitare 1600 soldati di professione.

Martedì Ottobre 13, 2009
Start: 19:30
End: 23:59

[CENA CONTRO IL DECRETO ANTIBIVACCO] Chez Osvaldìn @ Piazza della Repubblica

Martedì 13 Ottobre 2009

Ore 20:00

Il classico Martedì dell'Asilo Squat si sposterà in

Piazza della Repubblica Torino


per fare una Cena contro il decreto antibivacco

+ info fra qualche ora
Attendere prego!

Mercoledì Ottobre 14, 2009
Start: 20:00
End: 23:59

L38 Squat vi invita

Mercoledì 14 Ottobre, CONTRO OGNI NOCIVITA'
dalle 20.00:
Cena, incontro, scambio e aggiornamenti
sulle lotte dal basso contro la devastazione ambientale.

A seguire: Racconti sull'esperienza di lotta e la repressione a Tarnac [Francia]
e distribuzione de "L'insurrezione che viene".

Spazio info/distro aperto a tutte/i

Contro l'inceneritore di Albano, per la chiusura della discarica di Roncigliano
CORTEO Sabato 17 Ottobre ore 10.00- Piazza Mazzini [Albano]

Giovedì Ottobre 15, 2009
Start: 12:30
End: 16:00

Giovedì 15 ottobre ore 12:30 PIAZZA PUNTONI

Start: 18:00
End: 20:00

L'ultima volta a Milano eravamo in 75 davanti a 'La Rinascente', per mostrare la nostra rabbia per gli accordi non mantenuti. Questo segnale ha avuto de iriscontri e la dirigenza sta adesso incontrando attivisti di AIP per mettere a posto la situazione. Nonostante questo passo in avanti rimane ferma la protesta nei loro confronti fino a quando inserti di pelliccia saranno presenti nei loro scaffali.
Fino alla fine...Fino a che non verranno mantenuti gli accordi presi.
Noi saremo davanti alle loro vetrine, a far sentire il nostro dissenso.

- Dalle ore 18.00 alle ore 20.00 -
Protesta davanti al punto vendita Rinascente in via Lagrange,15 a Torino.

Venerdì Ottobre 16, 2009
Start: 17:30
End: 20:00

Venerdì 16 ottobre, ore 17,30 presso lo spazio di documentazione "Il Grimaldello",
presentazione del libro (a cura dell'autore) e proiezione di “Deltaoil’s dirty business”.

Start: 19:00
End: 23:59

Venerdì 16 Ottobre 2009
Serate dibattito al Mezcal Squat ed alla Boccia Squat


Foto dall'elicottero a cura della questura di Torino. Particolari delle case occupate torinesi

Mezcal Squat Corso Pastrengo
Parco Della certosa Collegno To
COME ARRIVARE
Autobus
Chi paga il bliglietto porta sfiga! Digli di smettere! Sopratutto visto e considerato che la gtt è complice delle espulsioni!
Bus 33 e 33 da Torino C.So Vittorio Emanuele angolo V. Arsenale.

Start: 19:30
End: 23:59

Per una resistenza contro l'ordine genetico mondiale e la mercificazione e omologazione del vivente.

Mezcal squat - parco della Certosa di Collegno (To)

ore 19.30 apericena bellavita, porta da bere e da mangiare e partecipa all'altrui piacere

ore 21 presentazione e dibattito sulla mobilitazione contro EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) e sull'ingresso degli ogm e delle nocività in campo agro-alimentare in Europa in preparazione della manifestazione del 31 ottobre a Parma, a cura della Coalizione Contro le Nocività

 

CORSO PASTRENGO COLLEGNO-TO ARRIVATI AL BENZINAIO DI CORSO PASTRENGO C'E' UN AMPIO PARCHEGGIO E LI' DIETRO ATTRAVERSANDO IL PARCO C'E'IL MEZCAL

Start: 20:30
End: 23:59

Il 29 Settembre del 2008 a Parma, alcuni agenti della polizia municipale pestano brutalmente Emmanuel Bonsu,
un giovane ghanese di 22 anni. Alcune settimane dopo vengono arrestati ed indagati dei compagn* con l'accusa
di aver tirato due petardi davanti alla caserma della polizia municipale di Parma.
Il reato che viene contestato loro è il 280 (attentato con finalità terroristiche o di eversione).
il 2 ottobre è iniziato il processo ai 4 compagn*

L'ANTIRAZZISMO - ANTIFASCISMO NON SI PROCESSANO!

Solidarietà a Madda, Nora, Peppe, Simone.

BENEFIT - Dalle 20.30 - Aperitivo - Buffet - serata con Dj.set -
Presso info-spazio Chinatown - Piazzetta Caduti della Resistenza - Capolinea Bus 9 - Padova

Start: 21:00
End: 23:59

CIÒ CHE CHIAMIAMO PROGRESSO
È QUESTA TEMPESTA
DAL NUCLEARE ALLE ENERGIE “RINNOVABILI” COME STRUMENTO DI PRODUZIONE DI MORTE, INQUINAMENTO E CONTROLLO SOCIALE.
SUI POSSIBILI MODI PER PORVI RIMEDIO

Cinque incontri per iniziare a discutere

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, ORE 21: proiezione del film-documentario “Biùtiful Cauntri”.
Allevatori che vedono morire le proprie pecore per la diossina. Contadini che coltivano terre inquinate dalle vicine discariche. Voci e immagini da una terra violata, consumata dall’alleanza fra un Nord operoso e senza scrupoli e le nuove forme della criminalità organizzata, raccontata con immagini inedite del traffico illecito dei rifiuti.

VENERDÌ 9 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dell’opuscolo “Scarti di produzione. Cronache e riflessioni sulla devastazione di un territorio” e discussione con alcuni compagni da Napoli sull’emergenza rifiuti in Campania e le lotte sociali scaturite nel 2008.
È il sistema produttivo industriale la causa della situazione in cui versa il nostro pianeta e che ha reso i nostri territori delle enormi discariche. Viene chiesta maggiore energia per produrre tonnellate di oggetti inutili, fino a restare sommersi da rifiuti che non si sa più dove mettere.

VENERDÌ 16 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dei testi della mostra “Una volta per tutte. Per il rilancio dell’opposizione al nucleare e al mondo che lo produce”.
Il nucleare è il frutto di quella Ragion di Stato che vede nella tutela dell’ambiente un intralcio all’industria, arrivando a dichiarare folli le preoccupazioni circa la salute del pianeta.
A SEGUIRE, proiezione del film-documentario “La messa delle cinque”, su una resistenza antinucleare in Francia.

VENERDÌ 23 OTTOBRE, ORE 21: presentazione del libro “Delta in rivolta. Pirateria e guerriglia contro le multinazionali del petrolio”.
La Nigeria affondata dallo sfruttamento selvaggio di compagnie petrolifere quali Shell, Agip e Chevron, tra devastazione ambientale e resistenze alle politiche neocoloniali. A SEGUIRE, proiezione del documentario “Delta oil’s dirty business”.

VENERDÌ 30 OTTOBRE, ORE 21: L’imbroglio delle energie alternative o rinnovabili. dibattito e diffusione di materiale contro-informativo.
A cosa e a chi serve produrre sempre maggiore energia? Non ci interessa trovare fonti con cui far funzionare giorno e notte le industrie e tenere accesi miliardi di elettrodomestici. Non ci interessa far funzionare una società come la nostra, capace di insanguinare il pianeta con le sue guerre o di fabbricare alimenti sempre più adulterati e manipolati.

CIRCOLO ANARCHICO, VIA MASSAGLIA 62/B LECCE
peggio2008@yahoo.it
www.guerrasociale.blogspot.com

NEL CORSO DI TUTTE LE SERATE,
A PARTIRE DALLE 20 ESPOSIZIONE
MOSTRA CONTRO IL NUCLEARE, DIFFUSIONE DI STAMPA
E BUFFET BENEFIT.

Start: 21:00
End: 23:59

LO STATO VIETA, LO STATO OPPRIME, LO STATO REPRIME.

Sono tempi caratterizzati dalla propaganda della paura e dalla spasmodica
ricerca della "SICUREZZA".
Viene indotta la sensazione di sentirsi minacciati da ogni genere di pericoli
e di emergenze: microcriminalità, fondamentalismi religiosi (rigorosamente
islamici), accattonaggio minorile, traffico di droga, venditori ambulanti,
merci contraffatte, immigrazione clandestina: la "percezione di insicurezza",
l'ultimo grido tra le paranoie imposte dalla società dello sfruttamento, è in
costante impennata. Da un lato si fomentano e si assecondano le paure
razziste della gente “perbene”, dando loro in pasto un nemico creato ad arte
(il pericoloso straniero, per esempio) su cui lasciar accanire i vendicatori
in divisa; dall'altro accelera la creazione di categorie sociali come quella
del "clandestino", inevitabilmente costringendoli ad accettare qualsiasi tipo
di ricatto sociale ed economico, costretti a nascondersi e ad essere
bersaglio quotidiano di razzisti, fascisti e poliziotti. La risposta più
sensata allo stato di cose attuale è riconoscere i propri nemici negli stati,
nelle loro frontiere, nelle loro polizie, nel sistema economico del profitto
e del consumo che produce miseria e disperazione. E nel cominciare a
riprenderci i nostri spazi di libertà, fin da subito, proprio come vogliamo
fare noi, organizzando una assemblea pubblica in piazza Saffi, per smontare i
luoghi comuni dei profeti della paura; la piazza, il luogo dove da sempre si
discute e ci si confronta tra pari, è già morta, facciamola vivere noi.

PUBBLICA ASSEMBLEA
VENERDI' 16 OTTOBRE, ORE 21, PIAZZA SAFFI:
IL PACCHETTO SICUREZZA.
INTRODUCE L'AVVOCATO ANDREA RONCHI

OSSERVATORIO PERMANENTE SULLA REPRESSIONE E IL CONTROLLO SOCIALE – ROMAGNA

Start: 21:00
End: 23:00

Venerdì 16 ottobre '09

ore 21

serata antirazzista

Assemblea e presentazione dell’opuscolo

“Sicuri da morire – per resistere al pacchetto sicurezza”

Interverrà l’avvocato Simone Bisacca

Alla Boccia Squat

via Giacomo Medici 121

Sabato Ottobre 17, 2009
Start: 10:00
End: 13:00

L38 Squat vi invita

Mercoledì 14 Ottobre, CONTRO OGNI NOCIVITA'
dalle 20.00:
Cena, incontro, scambio e aggiornamenti
sulle lotte dal basso contro la devastazione ambientale.

A seguire: Racconti sull'esperienza di lotta e la repressione a Tarnac [Francia]
e distribuzione de "L'insurrezione che viene".

Spazio info/distro aperto a tutte/i

Contro l'inceneritore di Albano, per la chiusura della discarica di Roncigliano
CORTEO Sabato 17 Ottobre ore 10.00- Piazza Mazzini [Albano]

Start: 15:00
End: 18:12

SABATO 17 OTTOBRE ORE 15
presso il Presidio Permanente
Lavoratori della Scuola
via Ripamonti 85 Milano

INCONTRO PUBBLICO
CON GLI AVVOCATI DIFENSORI
DEI RIVOLTOSI DI VIA CORELLI DOPO LA  SENTENZA DEL PROCESSO

S'è chiuso martedì 13 ottobre, con la sentenza di primo grado, il processo ai ribelli di Corelli, arrestati la notte del 13 agosto dopo le proteste che fecero seguito all’entrata in vigore del pacchetto sicurezza.

A fronte delle pesanti richieste di condanna avanzate dal p.m. (per tutti/e pene dai due anni ai due anni e mezzo, con una sola assoluzione) il giudice, dopo ben sei udienze, ha deciso di suffragare la tesi della colpevolezza sostenuta dalla polizia e dalla croce rossa, condannando tutti/e, ma con pene di molto inferiori, che vanno dai sei ai nove mesi, senza in ogni caso concedere a nessuno la sospensione della pena.
Avrà inoltre seguito la vicenda “specifica” di Joy, emersa con nettezza durante il processo.
Da una parte è certo che verrà denunciata per calunnia nei confronti di Vittorio Addesso, l’ispettore-capo di polizia che ha esercitato violenze sessuali su di lei; dall’altra è altrettanto certa la denuncia di Joy nei confronti di Addesso. In altre parole: il processo Corelli continua.

In sintesi possiamo dire che l’esito del processo non fa che confermare il carattere “partigiano” della giustizia borghese, come sempre incapace di contraddire le scelte del potere politico e dei suoi apparati repressivi, decidendo quindi di colpire comunque, nonostante nel corso del processo siano emerse palesi contraddizioni nell’impianto accusatorio, sia in merito ai fatti accaduti, sia in merito all’identificazione dei presunti responsabili.

L’unico elemento politicamente positivo e significativo è stata la concessione a tutti/e delle attenuanti generiche, cosa che spiega il forte ridimensionamento dell’entità delle condanne rispetto alle richieste del p.m. In attesa che il giudice depositi le motivazioni della sentenza è lecito pensare che tali attenuanti siano esattamente legate al contesto in cui tali “reati” sarebbero avvenuti (la natura dei CIE e del loro funzionamento), riconoscendo implicitamente come il carattere politico che i detenuti, insieme con gli antirazzisti intervenuti a loro sostegno, hanno cercato di imprimere al processo, abbia comunque ottenuto un risultato importante, per quanto insoddisfacente di fronte alla repressione che, anche questa volta, l’ha fatta franca.

Resta il fatto che le lotte nei CIE continuano (e continueranno) come dimostrano gli scioperi proclamati nei CIE di Gradisca e Milano, proprio in solidarietà con gli immigrati processati oggi.
Resta quindi il fatto che è necessario e doveroso rilanciare l’impegno per la loro chiusura definitiva e, con essa, l’abbattimento definitivo di ogni legge razziale.

COMITATO ANTIRAZZISTA MILANESE

Start: 16:00
End: 19:00

 

Sabato 17 ottobre

dalle ore 16 alle 19

PRESIDIO MUSICALE

al carcere di Bergamo

via Daste Spalenga

(dalla parte opposta all'entrata)

 

la musica libera, ribelle e solidale

...occasionalmente spettacolare !

Alla consolle (d)J.Bonnot - MICROFONO APERTO !!!

Start: 20:00
End: 23:59

sabato 17 ottobre

 

dalle ore 20 presso

Cascina Torchiera senz'acqua

P.le Cimitero Maggiore - Milano

 

cena benefit per Radiocane  www.radiocane.info

costo 8/10 euri  menu umbro (anche vegetariano)

Start: 20:00
End: 23:59

Sabato 17 ottobre 09

Torre Maura Occupata
Via delle Averle 10
Bus 105 – 556 – 312 Trenino Roma Giardinetti

Dalle ore 20.00

Cena Vegan
e
presentazione di

NUNATAK
Rivista di storie, culture, lotte della montagna

Nunatak. Con questo nome, originario della lingua dei popoli nativi del
polo artico, sono denominate le formazioni rocciose che spuntano dalla
coltre ghiacciata della Groenlandia e del circolo polare artico. Si tratta
in effetti delle vette di alcune, le uniche al giorno d’oggi ancora
coperte dai ghiacci perenni, di quelle montagne su cui, all’epoca delle
glaciazioni, si rifugiarono embroniali forme viventi, che con il ritiro dei
ghiacci, ripopolarono di vita il pianeta. Dinnanzi al dilagare degli scempi
sociali ed ecologici prodotti dalla società della Merce e
dell’Autorità, le montagne della Terra tornano ad essere lo spazio della
resistenza e della libertà. Affinchè una vita meno alienata e meno
contaminata possa, giorno dopo giorno, scendere sempre più a valle.

Domenica Ottobre 18, 2009
Start: 10:00
End: 15:00

domenica 18 ottobre 2009 - ore 10,00

INCONTRO ANTINUCLEARE

Torre Maura Occupata
Via delle Averle 10
Bus 105 – 556 – 312 Trenino Roma Giardinetti

In questi ultimi mesi ha avuto un notevole incremento la corsa mediatica e legislativa per il reinserimento ufficiale dell’Italia all’interno del sistema energetico nucleare.
Contemporaneamente alle dichiarazioni di irrinunciabilità ai “nuovi” progetti atomici si sono creati, con diverse modalità e contenuti, svariati momenti di confronto ed iniziative dei resti di quello che è stato il movimento antinuclearista degli anni ’80/’90. All’interno del movimento anarchico ci sono stati momenti di discussione sia a livello locale sia più ampio, come Valpelline in luglio e Las Vegan in settembre, a cui hanno partecipato compagni/e di varie regioni italiane, che
hanno visto pure la nostra presenza. L’argomento da discutere è ampio e complesso dall’analisi politica, agli
aspetti tecnici, alla scelta  dei strumenti da mettere in campo, senza dimenticare che la lotta al nucleare è solo una parte di un percorso di contrasto alle più svariate nocività che il capitale ha creato e su cui basa la propria riproduzione.
Proponiamo una giornata di confronto domenica 18 ottobre dalle ore 10.00 a Torre Maura Occupata (Via delle Averle 10 Roma), per condividere idee e conoscenze e promuovere la creazione di momenti di lotta contro il rilancio
nuclearista impostoci dal dominio, senza lasciarne l’egemonia ai soliti sinistri politicanti di turno, per un mondo senza nocività.

Torre Maura Occupata

Lunedì Ottobre 19, 2009
Start: 19:30

LuNedì 19 oTtobrE

Incontro/dibattito in vista del corteo

del 31 ottobre a Parma contro l’EFSA

Martedì Ottobre 20, 2009
Mercoledì Ottobre 21, 2009
Start: 19:00
End: 23:59

LaRiottosaZquat, Firenze Galluzzo, bus 37 o 68 dalla stazione santa maria novella, fermata "pone bailey". Bellafica porta quel che ti va, no baristi no fruitori niente soldi solo complici e briahi

Scarica il manifesto

Giovedì Ottobre 22, 2009
Start: 18:00
End: 22:00

Genova marzo 2008.
L'on. Storace, dirigente del partito fascista "La Destra", tenta un comizio in piazza Banchi, lo stesso giorno in piazza De ferrari anche un altro noto fascista della Lega nord, l'on. Borghezio,prendeva la parola.
Questi i primi recenti tentativi da parte dei partiti xenofobi di esportare i proprio grugniti e mugugni d'odio nel centro storico della città.
Da lì in avanti non è solo la presenza dei dirigenti fascisti che verrà contestata, ma anche la presenza dei militari, i progetti per la costruzione dei CIE, le leggi contro i poveri e le leggi razziali varate dal governo troveranno a Genova l'ostilità di diverse persone che, a volte in tanti a volte in poche decine, scenderanno in strada per cercare di ostacolare i progetti totalitari dello stato.

Start: 20:00
End: 23:59

Ore 20 presentazione e dibattito sulla mobilitazione contro EFSA (ente europeo per la sicurezza alimentare) e sull'ingresso degli ogm e delle nocività in campo agro-alimentare in Europa in preparazione della manifestazione del 31 ottobre a Parma, a cura della Coalizione Contro le Nocività

Venerdì Ottobre 23, 2009
Start: 16:00
End: 23:59

VENERDì 23 OTTOBRE C.S.A. SPARTACO

dalle 16.00 in poi
CONTEST DI SKATE...fino al collasso!

per i più contagiati ricchi premi.

SABATO 24 OTTOBRE

dalle 16.00 ritrovo in p.za S. Francesco

PARATA ANTI PACCHETTO SICUREZZA
per le vie del cento porta rabbia e fantasia contro razzismo e
autoritarismo

Start: 20:30
End: 23:59

VENERDI' 23 OTTOBRE 2009 presso lo Spazio Libertaio "SOLE&BALENO" - CESENA dalle 20.30 ... Presentazione del libro: "Il silbo gomero: mezzo di comunicazione e bene culturale", di Arianna Ancarani, edizione bilingue (italiano-spagnolo) dell'Academia Canaria de la Lengua, 2008. Il libro descrive il linguaggio fischiato dell'isola de La Gomera (Canarie)... ma che cos'è un linguaggio fischiato? è un linguaggio che riproduce una lingua naturale (in questo caso lo spagnolo) utilizzando la risorsa sonora del fischio al posto della voce. Un fischio potente e modulato che permette di comunicare a distanze notevoli (fino ad alcuni chilometri), anche a una moltitudine di destinatari dispersi. Una "invenzione" di cruciale importanza per una cultura esclusivamente orale, e che è riuscita a sopravvivere fino ai nostri giorni, non solo a La Gomera ma in molti altri luoghi del mondo.

Start: 21:00
End: 23:59

CIÒ CHE CHIAMIAMO PROGRESSO
È QUESTA TEMPESTA
DAL NUCLEARE ALLE ENERGIE “RINNOVABILI” COME STRUMENTO DI PRODUZIONE DI MORTE, INQUINAMENTO E CONTROLLO SOCIALE.
SUI POSSIBILI MODI PER PORVI RIMEDIO

Cinque incontri per iniziare a discutere

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, ORE 21: proiezione del film-documentario “Biùtiful Cauntri”.
Allevatori che vedono morire le proprie pecore per la diossina. Contadini che coltivano terre inquinate dalle vicine discariche. Voci e immagini da una terra violata, consumata dall’alleanza fra un Nord operoso e senza scrupoli e le nuove forme della criminalità organizzata, raccontata con immagini inedite del traffico illecito dei rifiuti.

VENERDÌ 9 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dell’opuscolo “Scarti di produzione. Cronache e riflessioni sulla devastazione di un territorio” e discussione con alcuni compagni da Napoli sull’emergenza rifiuti in Campania e le lotte sociali scaturite nel 2008.
È il sistema produttivo industriale la causa della situazione in cui versa il nostro pianeta e che ha reso i nostri territori delle enormi discariche. Viene chiesta maggiore energia per produrre tonnellate di oggetti inutili, fino a restare sommersi da rifiuti che non si sa più dove mettere.

VENERDÌ 16 OTTOBRE, ORE 21: presentazione dei testi della mostra “Una volta per tutte. Per il rilancio dell’opposizione al nucleare e al mondo che lo produce”.
Il nucleare è il frutto di quella Ragion di Stato che vede nella tutela dell’ambiente un intralcio all’industria, arrivando a dichiarare folli le preoccupazioni circa la salute del pianeta.
A SEGUIRE, proiezione del film-documentario “La messa delle cinque”, su una resistenza antinucleare in Francia.

VENERDÌ 23 OTTOBRE, ORE 21: presentazione del libro “Delta in rivolta. Pirateria e guerriglia contro le multinazionali del petrolio”.
La Nigeria affondata dallo sfruttamento selvaggio di compagnie petrolifere quali Shell, Agip e Chevron, tra devastazione ambientale e resistenze alle politiche neocoloniali. A SEGUIRE, proiezione del documentario “Delta oil’s dirty business”.

VENERDÌ 30 OTTOBRE, ORE 21: L’imbroglio delle energie alternative o rinnovabili. dibattito e diffusione di materiale contro-informativo.
A cosa e a chi serve produrre sempre maggiore energia? Non ci interessa trovare fonti con cui far funzionare giorno e notte le industrie e tenere accesi miliardi di elettrodomestici. Non ci interessa far funzionare una società come la nostra, capace di insanguinare il pianeta con le sue guerre o di fabbricare alimenti sempre più adulterati e manipolati.

CIRCOLO ANARCHICO, VIA MASSAGLIA 62/B LECCE
peggio2008@yahoo.it
www.guerrasociale.blogspot.com

NEL CORSO DI TUTTE LE SERATE,
A PARTIRE DALLE 20 ESPOSIZIONE
MOSTRA CONTRO IL NUCLEARE, DIFFUSIONE DI STAMPA
E BUFFET BENEFIT.

Sabato Ottobre 24, 2009
Start: 10:00
Start: 24/10/2009 - 10:00
End: 25/10/2009 - 06:00

Presidio di Solidarietà con il Velena Sgomberato:

 

Sabato 24 Ottobre
dalle ore 10 del mattino:
Presidio di solidarietà con il Velena sgomberato
Musica, bar, distribuzione di TuttoSquat ed altro…
Ritrovo al Balon - Porta Palazzo -Via Borgo Dora di fronte al panificio.

Ed in serata:



sabato 24 Ottobre 2009

dalle 23:00
Serata Bellavita
ovvero
Senza Clienti
Senza Soldi
Porta da bere
Il bar sei Tu
Vieni a danzare!
Barocchio Squat Garden
Strada del Barocchio, 27 Grugliasco - To
ad ovest di Torino, nei pressi di C.so Allamano.
se si arriva dal centro Città:
bus da Piazza Castello 55 & 56
Da Porta Nuova
Linea Tram 4 arrivati allo stadio Olimpico prendere il 17 o 17/
Da Porta Susa:
Linea Tram 10 direzione Stadio Olimpico
scendere alla fermata Sebastopoli-Stadio Olimpico e a destra su corso
Sebastopoli c’è la Fernmata
17 & 17/ direzione Rivoli, scendere alla Fermata dei vigili del Fuoco.
altri bus 44 da collegno
bus da Piazza Carducci: 17, 17 barr & 66
Da collegno e Grugliasco Centro Bus 44

Start: 14:00
End: 19:00

SIAMO STATI, SIAMO E SAREMO TUTTI MIGRANTI

Start: 16:00
End: 20:00

In seguito ai fatti di Domenica 11 Ottobre, facciamo appello a tutte le realtà antifasciste toscane a partecipare al corteo che si terrà a Pistoia, Sabato 24, per chiedere l'immediata liberazione dei tre compagni sequestrati dall'autorità giudiziaria pistoiese ed il ritiro delle denunce a carico degli altri otto.

Start: 16:00
End: 19:00

SABATO 24 OTTOBRE dalle ore 16.00
a PISA presso STAZIONE LEOPOLDA Piazza Guerrazzi, Pisa
CONFERENZA-DIBATTITO SUL NUCLEARE

Interventi da parte di esperti sul nucleare, presentazione dell'opuscolo "Nucleare Mon amour" Edizioni Il Gabbiano, interventi sulla figura di Marco Camenisch e proposte di lotta contro il nucleare. Verranno allestite la mostra contro il nucleare e la mostra su Marco Camenisch.

Per contatti: nogasiera@gmail.com

FERMIAMO LA MORTE NUCLEARE

Start: 16:00
End: 23:59

VENERDì 23 OTTOBRE C.S.A. SPARTACO

dalle 16.00 in poi
CONTEST DI SKATE...fino al collasso!

per i più contagiati ricchi premi.

SABATO 24 OTTOBRE

dalle 16.00 ritrovo in p.za S. Francesco

PARATA ANTI PACCHETTO SICUREZZA
per le vie del cento porta rabbia e fantasia contro razzismo e
autoritarismo

Start: 19:00
End: 23:59

Sabato 24 ottobre 09

Torre Maura Occupata
Via delle Averle 10
Bus 105 – 556 – 312 Trenino Roma Giardinetti

Dalle ore 19.00

Incontro con la Coalizione contro le nocività, presentazione del progetto
e dibattito sulla mobilitazione contro OGM e EFSA (Ente Europeo per la
Sicurezza Alimentare) il 31 ottobre a Parma

A seguire cena vegan e concreti con

ABSINTHE (provisoire) Noise rock da Montpellier Bruxelles

N.T.S. Punk HC da Napoli

DADA JAM-PSICHEDELIA Impro da Berlino

VIOLENT NUNS Hardecore siciliano

BESTIAL VOMIT Schifo da Roma

Birreria – Distro Anarchica – Demasterizzazione Selvaggia – Gran
Bazar Der Raccatto

Domenica Ottobre 25, 2009
End: 06:00
Start: 24/10/2009 - 10:00
End: 25/10/2009 - 06:00

Presidio di Solidarietà con il Velena Sgomberato:

 

Sabato 24 Ottobre
dalle ore 10 del mattino:
Presidio di solidarietà con il Velena sgomberato
Musica, bar, distribuzione di TuttoSquat ed altro…
Ritrovo al Balon - Porta Palazzo -Via Borgo Dora di fronte al panificio.

Ed in serata:



sabato 24 Ottobre 2009

dalle 23:00
Serata Bellavita
ovvero
Senza Clienti
Senza Soldi
Porta da bere
Il bar sei Tu
Vieni a danzare!
Barocchio Squat Garden
Strada del Barocchio, 27 Grugliasco - To
ad ovest di Torino, nei pressi di C.so Allamano.
se si arriva dal centro Città:
bus da Piazza Castello 55 & 56
Da Porta Nuova
Linea Tram 4 arrivati allo stadio Olimpico prendere il 17 o 17/
Da Porta Susa:
Linea Tram 10 direzione Stadio Olimpico
scendere alla fermata Sebastopoli-Stadio Olimpico e a destra su corso
Sebastopoli c’è la Fernmata
17 & 17/ direzione Rivoli, scendere alla Fermata dei vigili del Fuoco.
altri bus 44 da collegno
bus da Piazza Carducci: 17, 17 barr & 66
Da collegno e Grugliasco Centro Bus 44

Start: 15:00
End: 23:59

VENERDì 23 OTTOBRE C.S.A. SPARTACO

dalle 16.00 in poi
CONTEST DI SKATE...fino al collasso!

per i più contagiati ricchi premi.

SABATO 24 OTTOBRE

dalle 16.00 ritrovo in p.za S. Francesco

PARATA ANTI PACCHETTO SICUREZZA
per le vie del centro porta rabbia e fantasia contro razzismo e
autoritarismo

Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione