Antifascismo Antirazzismo

Antifascismo, antirazzismo, antinazismo e xenofobia dilagante, nel mondo e in Italia.

Roma - Incendiato un locale gay

Incendio nella notte, probabilmente doloso, al locale 'Coming Out', storico punto di ritrovo della comunita' gay di Roma. E' la denuncia dell'Arcigay romana, secondo cui l'episodio "e' un gesto orribile che ci sconvolge ma non ci spaventa. Colpire il Coming Out, che e' tra i luoghi simbolo per la comunita' gay romana e cuore della Gay Street di via di San Giovanni in Laterano, vuol dire ostacolare la visibilita' delle persone lesbiche, gay e trans, costringendoci all'anonimato e al silenzio,da tempo abbiamo denunciato azioni omofobe contro la GayStreet, la strada in prossimita' del Colosseo dove da anni si radunano migliaia di Lesbiche Gay".

Lun, 18/02/2008 – 15:16

Milano - 11 marzo, giudici: «Scempio voluto da tutti»

fonte corriere.it

Gio, 14/02/2008 – 19:29

Torino - Oscurato sito fascista

fonte cronaca qua qua

Gio, 14/02/2008 – 17:25

Foibe - Contro ogni fascismo, passato, presente e futuro

…PER NON DIMENTICARE!

“Nell’inferno della vita entra la parte più nobile dell’umanità. Gli altri stanno sulla soglia e si scaldano” (Hebbel)

In questi anni di disfacimento, regresso e appiattimento umano e sociale, si assiste ordinariamente al prepotente riaffacciarsi e al pericoloso attecchimento, con metodi e motiv/azioni più al passo coi tempi ma non meno violenti, di ideologie e movimenti dichiaratamente e palesemente fascisti.

Oltre ad evocare lo spettro nostalgico di un potere volgare e prepotente, sporco e assassino, le gesta dei nuovi fascisti sono intese anche al recupero di parte di quella memoria storica che la negligenza della stessa sinistra, compresa quella “alternativa” e sedicente “progressista”, ha contribuito ad alimentare. Il tardivo e troppo spesso frettoloso e accomodante riconoscimento e il tentativo di superamento di questioni di non secondaria importanza storica (quali lo sono?), come quella delle Foibe, ha reso possibile e ha enfatizzato la loro strumentalizzazione, ma soprattutto ha snaturato la sostanza della fondamentale difesa di ogni valore e principio antiautoritario e antirepressivo, propri dell’idea di libertà per cui nascono, si sviluppano e su cui si fondano le idee e i movimenti di liberazione.

Ven, 08/02/2008 – 15:05

Foibe - Sul revisionismo storico

IL GENOCIDIO DI MIGLIAIA DI INFOIBATI PERCHE’ ITALIANI.

Così oggi i fascisti - con l’appoggio delle rappresentanze democratiche da destra a sinistra - amano descrivere gli avvenimenti che interessarono le regioni dell’Istria e della Dalmazia alla fine della seconda guerra mondiale. Parlano di migliaia e migliaia di persone gettate nelle cavità carsiche con l’unica colpa di essere italiani, parlano di genocidio verso il solito popolo di brave persone, intitolano piazze ai martiri delle foibe, descrivono le popolazioni slave come feroci barbari assetati di sangue, innalzano di anno in anno il numero dei morti includendo ormai qualsiasi persona sparita in quegli anni e in quelle terre, ripropongono costantemente l’immagine del soldato italiano umanitario vittima di un furore omicida.

Gio, 07/02/2008 – 15:09

Firenze - Digos al Pascoli: le minacce non funzionano, antifascisti/e in corteo

fonte toscana.indymedia.org

Mer, 06/02/2008 – 17:32

Qualche buona nuova sul fronte antifascista

Raid nella sede de “La Destra”

fonte IL MATTINO 29/01/2008

SAN GIORGIO/2 Vandalizzata la sede della Destra Alcuni vandali si sono introdotti nella sezione cittadina de “La Destra” di via Buongiovanni 85, portando via due personal computer, materiale di cancelleria e qualche suppellettile. I vandali hanno anche dato fuoco ad alcune bandiere e manifesti del partito. I vertici nazionali, regionali e provinciali del movimento politico fondato da Francesco Storace hanno espresso la loro solidarietà al coordinatore cittadino Antonio Pannico. Sull’accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Torre del Greco.

Mar, 05/02/2008 – 19:52

Rep. Ceca - Sull'accoltellamento del compagno

Oggi (25 gennaio) ci sono stati i funerali di Jan Kučera in un paesino fuori Praga, a PŘÍBRAM. Non si sa di preciso se fosse un anarchico, di sicuro era uno skinhead antifa. L'accoltellamento è avvenuto venerdì­ della settimana scorsa alla vigilia del corteo dei nazi per la commemorazione delle deportazioni degli ebrei.
Corteo che alla fine è stato impedito. Il compagno è morto domenica ma sui giornali niente fino a oggi quando hanno parlato dei funerali e hanno detto che si è trattato di un accoltellamento da parte di un nazi. Prima era uscito che in una rissa din un pub un ragazzo ne aveva accoltellato un altro.

Lun, 28/01/2008 – 15:42
Gio, 14/12/2006 – 14:04
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione