Liberazione Animale

Animalismo, antivivisezione, liberazioni animali, sabotaggi, ALF

Usa - Eutanasia per i Mustangs con il sì degli ambientalisti

fonte: corriere.it

WASHINGTON — Nell’America del 2000, nessuno impersona i miti del Far west meglio dei cavalli selvaggi, i «wild mustangs» che popolano le Grandi praterie e le Montagne rocciose, indipendenti e fieri come i cow boys di un tempo. Ma per gli allevatori di bestiame, per gli agricoltori e per gli ambientalisti, questi animali, il cui numero raddoppia ogni quattro anni, incominciano a rappresentare un grosso problema. Si calcola che ve ne siano almeno 33 mila in libertà e 30 mila in cattività in enormi recinti [ndr. già bersaglio di numerosi attacchi dell'Earth Liberation Front e di altri gruppi dell'ecologismo radicale] del Kansas e dell’Oklahoma. E quelli liberi arrecano danni sempre più gravi alle sorgenti di acqua, all’erba, alle piante, sottraendo cibo ad altri animali e mettendo a rischio specie in via d’estinzione come le tartarughe, gli uccelli del deserto e i montoni del Wyoming. Così, in nome dell’equilibrio ecologico e biologico, per la prima volta è iniziata, tra polemiche furenti, una campagna per l’eutanasia dei «mustangs». A proporre una sorta di selezione della razza dei cavalli selvaggi eliminandone i più deboli e i più anziani fu la rivista Audubon, la Bibbia degli animalisti, in un articolo di Ted Williams del 2006 che venne bollato di eresia.

Gio, 24/07/2008 – 12:00

Regno Unito - Liberazione in solidarietà con Sarah Whitehead

Comunicato anonimo tradotto da Bite Back Magazine:

"Volontari per la Liberazione Animale rivendicano la responsabilità per l'intervento diretto contro l'industria dell'allevamento industriale, come un atto in solidarietà con Sarah Whitehead che è attualmente dietro le sbarre per aver fatto la cosa giusta. Mentre Sarah resta rinchiusa nella sua cella per aver sollevato animali da dolore e miseria, volontari hanno liberato con successo 50 tacchini da un'allevamento industriale dell'est del paese.

Questa azione significa che questi esseri senzienti sono stati risparmiati da costanti sofferenze, le loro vite destinate a essere mozzate con la lama dei macchinari per la macellazione. La loro esistenza non servirà più a riempire le bocche bavose di un'avida nazione. Ora esistono come individui apprezzati, restando felici e liberi.

Mer, 23/07/2008 – 10:15

Regno Unito - Azioni in solidarietà con gli attivisti austriaci prigionieri

Nel corso di questo mese nell’area di Ikley Moor si sono susseguiti sabotaggi nei confronti di strutture adibite all’allevamento di fagiani e galli cedroni. Segue il comunicato di un’azione del 20 luglio:

“Dalle parti di High Moor, Ilkley, alcuni attivisti hanno individuato due piccoli recinti per galli cedroni che sono stati messi fuori uso. Il materiale all’interno distrutto. Una tagliola è stata trovata nei paraggi e anch’essa distrutta. Lungo la brughiera, una fila di strutture in pietra per i galli cedroni è stata rovesciata e quelle in legno sono state spaccate. Nella boscaglia di High Moor è stato trovato un grande recinto per fagiani, le pareti sono state tirate giù e due trappole messe fuori uso, i tubi dell’acqua sono stati tagliati e altri attrezzi spaccati. Sono seguite le mangiatoie.

Mer, 23/07/2008 – 09:44

StopHLS - Acadian Management e Old Mutual investono nella vivisezione

ACADIAN MANAGEMENT E OLD MUTUAL INVESTONO NELLA VIVISEZIONE
Lanciamo la nuova protesta dall'Italia

Dopo la cessione delle azioni da parte di Eagle Asset / Raymond James Financial, lanciamo una nuova protesta contro la Acadian Asset Management di Boston e la sua affiliata Old Mutual. Queste aziende possiedono ben 15.000 azioni di Life Sciences Research (sigla dietro la quale si nasconde HLS). Non ha uffici in Italia ma noi possiamo comunque unirci alle proteste! Contattiamo Acadian/Old Mutual, informiamoli che siamo venuti a conoscenza e protestiamo perchè smettano di investire soldi in LSR!

Mar, 22/07/2008 – 19:56

StopHLS - Chi investe nella morte?

NUOVI INVESTITORI DI MORTE
Eagle Asset Management Inc. colta sul fatto!

Da diversi mesi non davamo più aggiornamenti sulle condizioni finanziare di HLS e su chi investiva nel lager per animali più grande d'Europa, ma c'era una spiegazione ben precisa: la certezza e il bisogno di tempo per poter capire come andassero gli affari per HLS e quali mosse economiche fossero in programma dopo i recenti successi (la cessione delle azioni da parte di aziende come Wachovia, Rathbone brothers, Axa...).
Grazie al'ottimo lavoro di WAR (Win Animal Rights, www.waronline.org) e di tantissimi/e attivisti/e abbiamo i nomi di tutti gli attuali maggiori investitori nonchè il lancio di una vera e propria campagna di pressione verso l'azienda che, tra queste, detiene il numero maggiore di azioni: la Eagle Asset Management Inc.

Mar, 08/07/2008 – 10:50

Incontro di liberazione animale 2008

INCONTRO DI LIBERAZIONE ANIMALE 2008

5-6-7 settembre

Scriviamo queste brevi righe per comunicare l'appuntamento nazionale che, oramai consolidato negli anni, vuole essere un momento molto importante per tutto il movimento di liberazione animale. Invitiamo tutti coloro che sentono profondamente proprie queste tematiche e che hanno a cuore il rispetto di tutti gli esseri viventi e della natura, nostra e loro insostituibile dimora, a partecipare all'evento.

Forti delle esperienze passate, che ci hanno insegnato quanto può essere utile e allo stesso tempo piacevole incontrarsi e confrontarsi, proponiamo una tre giorni di workshop e dibattiti, teoria e pratica su come contrastare la schiavitù degli animali, considerati nella nostra società non come singoli individui con capacità emotive e sentimenti, ma più degli oggetti, se non veri e propri "beni di consumo".

Ven, 27/06/2008 – 13:03

Cile - Liberati animali da laboratorio universitario

fonte: Klinamen.org

Liberazione di animali destinati alla sperimentazione della UMCE [Universidad Metropolitana de Ciencias de la Educación; Santiago, Chile]

La nursery è un centro di immagazzinamento di animali che verranno usati per esperimenti da studenti e accademici dell'università. Tra gli animali in gabbia vi sono rettili, uccelli e principalmente topi. Vivono in condizioni di sovraffollamento, completamente rimossi dal loro habitat naturale.
Questa pratica specista, vedere l'altro come oggetto perchè di un'altra specie, è deprecabile per chiunque creda nel più basilare concetto di uguaglianza; credere che gli altri non soffrano in condizioni di prigionia, tortura e sperimentazione è una scusa, in quanto hanno apparati sensoriali simili ai nostri.

Gio, 19/06/2008 – 14:13

Ivrea - Campagna AIP - Resoconto sabato 14 giugno

Il giorno 14 Giugno, giornata nazionale contro le pellicce agli ipermercati Bennet, tre compagni anarchici canavesani e valdostani si sono presentati nella mattinata davanti agli ipermercati bennet di Ivrea (TO) in solidarietà con la campagnia AIP, volantinando davanti agli ingressi. Sono in seguito allontanati dalle guardie, con la scusante di non avere il permesso a sostare e volantinare in area privata a loro appartenente.

Il gruppo non demorde e si sposta davanti al bennet di Pavone (TO). Dopo un’ora di volantinaggio, a seguito di una buona risposta da parte dei passanti, anche li, l’invito ad andarsene.

Lun, 16/06/2008 – 11:21
Mer, 22/11/2006 – 13:06
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione