Liberazione Animale

Animalismo, antivivisezione, liberazioni animali, sabotaggi, ALF

StopHLS - Altri azionisti cedono

H PARTNERS CEDE LE AZIONI

Altro ottimo risultato!

Dopo la cessione della azioni da parte di Raymond James/Eagle Asset ed il lancio della campagna contro Acadian, anche H Partners ha deciso di cedere le azioni di LSR corrispondenti al valore di più di 11 milioni di dollari. La cessione, avvenuta secondo loro intorno alla metà di luglio, è stata confermata dagli attivisti/e statunitensi di Win Animal Rights (www.war-online.org).

H Partners Management azioni di LSR: 459.539 valore: $12.454.000 H Partners Capital azioni di LSR: 368.933 valore: $9.998.000 tutto ciò è stato ceduto! Un ringraziamento a tutti coloro che hanno supportato e agli attivisti/e coinvolti/e, soprattutto quelli che hanno organizzato le proteste a Londra e negli Stati Uniti. Al momento la percentuale di investimenti degli istituti di credito risulta al 8.63%, con la vendita della H Partners tutto ciò si è ridotto al 4 - 4.5%, ciò significa che non ci sono più molte azioni in possesso di istituti di credito e di aziende.

Gio, 31/07/2008 – 13:59

Germania - Liberati 2000 visoni in solidarietà con i prigionieri austriaci

Comunicato anonimo tradotto da Bite Back Magazine

"Potevamo sentire l'odore orribile molto prima di arrivare all'allevamento per pellicce di Schlesen, vicino Kiel, nella notte del 22 luglio 2008! Gli animali erano rinchiusi in quattro per gabbia! Tutto l'allevamento era in condizioni terribili! Ce ne sono stati molti che non siamo riusciti ad aiutare questa notte! Ma abbiamo liberato almeno 2000 visoni! Abbiamo dato loro una possibilità di fuggire. Una possibilità che è meglio di essere uccisi tra pochi mesi dall'allevatore. Questi animali meritano libertà! Questa azione è dedicata agli attivisti animalisti austriaci imprigionati!"

Ven, 25/07/2008 – 16:36

Regno Unito - Azioni ALF annullano stagione di caccia

A causa delle azioni portate avanti da ALF/GLF (Animal & Grouse Liberation Front) nelle scorse settimane, alcune delle quali in solidarietà con gli attivisti austriaci prigionieri, gli organizzatori della stagione di caccia al gallo cedrone di Ilkley Moor, la Bingley Moor Partnership, ha annunciato che non ci saranno crudeltà venatorie, per almeno i prossimi due anni, a causa della carenza di "scorte" di animali.

Amanda Anderson, portavoce della Moorland Association, ha però voluto precisare che non tutte le attrezzature danneggiate dagli attivisti erano collegate alla caccia al gallo cedrone.

Ven, 25/07/2008 – 16:26

Usa - Eutanasia per i Mustangs con il sì degli ambientalisti

fonte: corriere.it

WASHINGTON — Nell’America del 2000, nessuno impersona i miti del Far west meglio dei cavalli selvaggi, i «wild mustangs» che popolano le Grandi praterie e le Montagne rocciose, indipendenti e fieri come i cow boys di un tempo. Ma per gli allevatori di bestiame, per gli agricoltori e per gli ambientalisti, questi animali, il cui numero raddoppia ogni quattro anni, incominciano a rappresentare un grosso problema. Si calcola che ve ne siano almeno 33 mila in libertà e 30 mila in cattività in enormi recinti [ndr. già bersaglio di numerosi attacchi dell'Earth Liberation Front e di altri gruppi dell'ecologismo radicale] del Kansas e dell’Oklahoma. E quelli liberi arrecano danni sempre più gravi alle sorgenti di acqua, all’erba, alle piante, sottraendo cibo ad altri animali e mettendo a rischio specie in via d’estinzione come le tartarughe, gli uccelli del deserto e i montoni del Wyoming. Così, in nome dell’equilibrio ecologico e biologico, per la prima volta è iniziata, tra polemiche furenti, una campagna per l’eutanasia dei «mustangs». A proporre una sorta di selezione della razza dei cavalli selvaggi eliminandone i più deboli e i più anziani fu la rivista Audubon, la Bibbia degli animalisti, in un articolo di Ted Williams del 2006 che venne bollato di eresia.

Gio, 24/07/2008 – 12:00

Regno Unito - Liberazione in solidarietà con Sarah Whitehead

Comunicato anonimo tradotto da Bite Back Magazine:

"Volontari per la Liberazione Animale rivendicano la responsabilità per l'intervento diretto contro l'industria dell'allevamento industriale, come un atto in solidarietà con Sarah Whitehead che è attualmente dietro le sbarre per aver fatto la cosa giusta. Mentre Sarah resta rinchiusa nella sua cella per aver sollevato animali da dolore e miseria, volontari hanno liberato con successo 50 tacchini da un'allevamento industriale dell'est del paese.

Questa azione significa che questi esseri senzienti sono stati risparmiati da costanti sofferenze, le loro vite destinate a essere mozzate con la lama dei macchinari per la macellazione. La loro esistenza non servirà più a riempire le bocche bavose di un'avida nazione. Ora esistono come individui apprezzati, restando felici e liberi.

Mer, 23/07/2008 – 10:15

Regno Unito - Azioni in solidarietà con gli attivisti austriaci prigionieri

Nel corso di questo mese nell’area di Ikley Moor si sono susseguiti sabotaggi nei confronti di strutture adibite all’allevamento di fagiani e galli cedroni. Segue il comunicato di un’azione del 20 luglio:

“Dalle parti di High Moor, Ilkley, alcuni attivisti hanno individuato due piccoli recinti per galli cedroni che sono stati messi fuori uso. Il materiale all’interno distrutto. Una tagliola è stata trovata nei paraggi e anch’essa distrutta. Lungo la brughiera, una fila di strutture in pietra per i galli cedroni è stata rovesciata e quelle in legno sono state spaccate. Nella boscaglia di High Moor è stato trovato un grande recinto per fagiani, le pareti sono state tirate giù e due trappole messe fuori uso, i tubi dell’acqua sono stati tagliati e altri attrezzi spaccati. Sono seguite le mangiatoie.

Mer, 23/07/2008 – 09:44

StopHLS - Acadian Management e Old Mutual investono nella vivisezione

ACADIAN MANAGEMENT E OLD MUTUAL INVESTONO NELLA VIVISEZIONE
Lanciamo la nuova protesta dall'Italia

Dopo la cessione delle azioni da parte di Eagle Asset / Raymond James Financial, lanciamo una nuova protesta contro la Acadian Asset Management di Boston e la sua affiliata Old Mutual. Queste aziende possiedono ben 15.000 azioni di Life Sciences Research (sigla dietro la quale si nasconde HLS). Non ha uffici in Italia ma noi possiamo comunque unirci alle proteste! Contattiamo Acadian/Old Mutual, informiamoli che siamo venuti a conoscenza e protestiamo perchè smettano di investire soldi in LSR!

Mar, 22/07/2008 – 19:56

StopHLS - Chi investe nella morte?

NUOVI INVESTITORI DI MORTE
Eagle Asset Management Inc. colta sul fatto!

Da diversi mesi non davamo più aggiornamenti sulle condizioni finanziare di HLS e su chi investiva nel lager per animali più grande d'Europa, ma c'era una spiegazione ben precisa: la certezza e il bisogno di tempo per poter capire come andassero gli affari per HLS e quali mosse economiche fossero in programma dopo i recenti successi (la cessione delle azioni da parte di aziende come Wachovia, Rathbone brothers, Axa...).
Grazie al'ottimo lavoro di WAR (Win Animal Rights, www.waronline.org) e di tantissimi/e attivisti/e abbiamo i nomi di tutti gli attuali maggiori investitori nonchè il lancio di una vera e propria campagna di pressione verso l'azienda che, tra queste, detiene il numero maggiore di azioni: la Eagle Asset Management Inc.

Mar, 08/07/2008 – 10:50
Mer, 22/11/2006 – 13:06
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione