Liberazione Animale

Animalismo, antivivisezione, liberazioni animali, sabotaggi, ALF

Nepal - Salvare le scimmie

Aiutiamo StopMonkeyBusiness!

Fermiamo l'esportazione di scimmie dal Nepal ai laboratori di vivisezione americani!

Attivisti, associazioni e campagne in vari paesi del mondo stanno incrementando la loro pressione sul governo nepalese in conseguenza della possibilità che anche il Nepal apra la strada all'esportazione di macachi per i laboratori di vivisezione.

Al momento ci sono solo due laboratori che stanno cercando di aprire questo commercio, il Southwest National Primate Research Center e il Washington Primate Research Center, entambi negli Stati Uniti. Questi due laboratori stanno facendo aprire un centro di quarantena e allevamento dei macachi in Nepal, che verrebbero prelevati dalle foreste nepalesi e fatti riprodurre. Al momento ci sono 261 macachi in uno di questi allevamenti, pronti per essere esportati in agosto.

Gio, 12/06/2008 – 10:40

Giornate contro gli ipermercati

14-15 Giugno: giornate nazionali contro gli ipermercati

Dopo avere ottenuto una dichiarazione ed un impegno ufficialmente fur-free da parte del Gruppo Carrefour Italia siamo più che mai convinti che tocchi adesso agli altri ipermercati fare la stessa scelta.
Dopo il successo con tutti i grandi magazzini italiani e alcuni importanti
marchi di moda, non possiamo non pretendere che anche negli ipermercati i clienti non vengano a contatto col pelo di animali scuoiati. Perché questo succeda non possiamo aspettare, ma dobbiamo renderci noi stessi attivi e far sentire la voce degli animali a chi prende le decisioni commerciali di queste aziende.

Lun, 09/06/2008 – 16:07

Australia - Sterminati canguri "antimilitaristi"

fonte: peacereporter

L'Australia porta a termine l'uccisione di oltre 500 canguri, nonostante le proteste degli animalisti

Oltre cinquecento canguri australiani, che occupavano da anni un'ex base militare alle porte della capitale Canberra, sono stati uccisi dalle autorità australiane con l'iniezione letale. La procedura è stata dichiarata conclusa oggi dal ministero della difesa, dopo dieci giorni di “selezione” dei marsupiali.

Piano compiuto

Secondo il governo, i canguri che si erano impadroniti della dismessa stazione di trasmissione navale di Belconnen erano troppi: l'eccessivo numero di animali a pascolo nella zona metteva a rischio altre specie, tra cui un tipo di lucertola e di falena. Un piano per spostare i marsupiali in un'altra regione, come proposto dagli animalisti, era stato bocciato dal governo di Kevin Rudd perché avrebbe fatto soffrire inutilmente i canguri, oltre ad essere costoso per i contribuenti. [...]

Mer, 04/06/2008 – 16:15

Attivarsi per aiutare gli attivisti austriaci

MERCOLEDI 4 GIUGNO
Giornata internazionale di solidarietà per gli attivisti austriaci

I 10 attivisti austriaci arrestati lo scorso 21 maggio sono ancora in carcere.
Per loro accuse pesanti, basate su nessuna prova. Si tratta di una manovra per fermare un movimento che sta dando evidenti problemi sia a potenti aziende che sfruttano animali che alla politica austriaca, costretta a varare numerose leggi in difesa degli animali sotto la pressione costante di gruppi e associazioni.

La solidarietà del movimento di liberazione animale si sta facendo sentire in tutto il mondo, con proteste davanti ad ambasciate e consolati. Per il 4 giugno si terranno in molti paesi proteste simultanee, chiedendo l’immediata liberazione dei 10 attivisti, quasi tutti in sciopero della fame.

Dom, 01/06/2008 – 02:37

Austria - Aggiornamenti

Come riferito nei giorni scorsi alle 6 del mattino di mercoledi' 21 maggio agenti dell'unita' speciale autriaca (WEG) in passamontagna ed armi in pugno hanno sfondato le porte di diverse abitazioni di attivisti animalisti e di alcune associazioni.
Sono 10 gli attivisti attualmente in carcere ed almeno 7 di loro sono in sciopero della fame in protesta contro il modo di agire assolutamente fuori da ogni logica democratica attuato dallo stato austriaco. Gli attivisti rimarranno in carcere almeno 2 settimane prima che un giudice decida di tenerli dentro o meno in attesa del processo.

Gio, 29/05/2008 – 12:08

Roma StopHLS - Resoconto presidio a Cosmofarma

RESOCONTO DEL PRESIDIO DAVANTI A COSMOFARMA 2008
Gli attivisti della campagna StopHLS non mollano!

In un assolato sabato di maggio la nuova Fiera di Roma è stato il caldissimo teatro del presidio StopHLS a Cosmofarma 2008, esposizione dedicata ai professionisti della farmacologia, presso cui erano presenti tre dei più grandi clienti di Huntingdon Life Sciences: Teva, Sanofi-Aventis e Novartis. Non potevano quindi mancare gli attivisti, pronti come sempre a comunicare a queste multinazionali del farmaco tutto lo sdegno provocato dalla loro mancanza di scrupoli nel perseguire il massimo profitto incuranti delle vite che calpestano. Esse continuano, oltre che ad appestare il pianeta e l'umanità coi loro veleni legalizzati, a finanziare le indicibili crudeltà perpetrate da HLS ogni giorno su oltre 500 animali, torturati e condannati a morte tra atroci sofferenze per quel falso scientifico che è la vivisezione. E così una ventina di persone, determinate a manifestare ai visitatori di Cosmofarma tutto lo sdegno nutrito nei confronti di questa continua follia, si sono armate di cartelli e striscioni, megafoni e volantini, e affrontando i molesti, nonchè vani tentativi, di ostruzionismo della sicurezza della Fiera hanno cercato di fare aprire gli occhi a qualcuno dei numerosi professionisti del farmaco presenti. Come al solito non sono mancate opinioni divergenti dalle nostre (espresse con virtuosismi dialettici quali "metodi alternativi? ma dove?" prima di voltare le spalle e andarsene) ma anche i soliti numerosi consensi e apprezzamenti per la nostra presenza: resta da capire come sia possibile che provenissero da farmacisti e informatori scientifici... Abbiamo ricordato a questi spacciatori di morte travestiti da benefattori, per l'ennesima volta, che finchè avranno a che fare con HLS dovranno avere a che fare anche con gli attivisti che continueranno a denunciarne le responsabilità: oltre 180.000 animali morti ogni anno, grazie ai soldi sporchi di sangue di Teva, Sanofi-Aventis e Novartis!

Lun, 19/05/2008 – 22:38

Campagna AIP - Aggiornamento ipermercati

Vi segnaliamo alcuni immediati risultati della campagna “Fuori le pellicce dagli ipermercati”:

- Carrefour ha contattato Campagna AIP per chiedere maggiori informazioni e un incontro in cui discutere una loro probabile svolta “fur-free”. Sembra fossero intenzionati già a togliere gli inserti di pelliccia ma non quelli di coniglio, richiesta che noi poniamo invece fermamente ad ogni azienda e sulla quale stanno valutando e discuteremo in un prossimo incontro.

- Il Gigante ci ha fatto sapere per ora informalmente che è già loro scelta non produrre inserti con il loro marchio e impegnarsi a non commercializzarne anche di marchi esterni, anche se nello scorso inverno erano stati trovati cappotti con inserti nei loro negozi. Attendiamo anche da loro l’esito di una trattativa e una messa in pratica dell’impegno dimostrato.

Lun, 19/05/2008 – 22:20
Mer, 22/11/2006 – 13:06
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione