Liberazione Animale

Animalismo, antivivisezione, liberazioni animali, sabotaggi, ALF

Roma - Resoconto presidi AIP di sabato 22 e domenica 23

E' ancora giorno quando un paio di attivisti romani entrano nel negozio Max Mara di via Cola di Rienzo per distribuire i volantini ai dipendenti e per avvisarli dell'imminente presidio davanti alle loro vetrine.

La direttrice, una distinta signora di mezz'età, ci dà inizialmente tutto il suo appoggio, asserendo di appartenere ad una famiglia di vegetariani (?) e di essere totalmente d'accordo con la nostra causa, tanto da volerla sostenere in una riunione aziendale a Reggio Emilia.
Un po' dubbiosi iniziamo comunque a prepararci per il presidio: appendiamo lo striscione, tiriamo fuori tutti i volantini, proviamo i megafoni e qualcuno decide anche di aggrottare un po' le sopracciglia.

Gio, 27/11/2008 – 20:28

Rovereto - Comunicato liberazione di visoni

Riceviamo e diffondiamo - da comunicato anonimo recapitato a La Nemesi

Sono 7 anni che i visoni presenti nell’allevamento di Gasparini casari Luciano, situato a Rovereto, frazione di Novi di Modena, non assaporano il gusto della vera libertà, fuori da quelle strette gabbie. Nella notte tra il 4 e il 5 novembre ci siamo introdotti in quel lager con i medesimi intenti che avevamo allora. L’allevamento si trova vicino all’argine di un fiume e dista circa 100 mt dall’opulenta e sfarzosa corte dei signori Gasparini.
Diversi alarmi proteggono quello che per noi è luogo di tortura e morte, mentre per gli allevatori non è altro che il magazzino della loro materia prima. Un filo blu è legato alla recinzione che circonda l’allevamento e se venisse tagliato o reciso, farebbe scattare l’allarme. Un altro allarme è posto all’interno di ognuno dei 14 capanni, per impedirne l’entrata.

Gio, 27/11/2008 – 13:10

Campagna A.I.P. - 28 novembre: Fur-Free Friday

FUR FREE FRIDAY

Il venerdì precedente il "giorno del ringraziamento", negli Stati Uniti è la giornata principale di shopping dell'anno e quindi da sempre un momento ideale per rovinare gli affari di chi vende pellicce. Il movimento animalista americano ha ideato il Fur-Free Friday rendendo questa data un appuntamento annuale per tutti i gruppi e le campagne, concentrando in questa giornata molte proteste in tutto il paese.
Quest'anno il Fur-Free Friday cade il 28 novembre e diventa globale, con più di 100 proteste in molti paesi del mondo, concentrate davanti a pelliccerie, grandi magazzini e anche Escada e Max Mara.

Lun, 24/11/2008 – 12:41

Torino - Aggiornamenti campagna AIP

Riceviamo e diffondiamo

Il gruppo A.I.P. torino (Attacca l'Industria della Pelliccia - gruppo locale di Torino) cambia indirizzo: la mail attiva da ora è aiptorino@inventati.org

NASCE inoltre una LISTA LOCALE interna del gruppo, accessibile ai soli membri, utile per per discutere sulle iniziative da portare avanti e poterci organizzare meglio e insieme sugli eventi.

Unisciti a noi!! scrivendo a: aiptorino@inventati.org con soggetto: "Iscrizione LISTA LOCALE"

Per conoscere la campagna informati su: www.campagnaaip.net

Ven, 21/11/2008 – 12:19

Roma - Resoconto e video corteo antipellicce 8 novembre

La giornata comincia presto, è l'8 novembre e noi tutt* del gruppo antispecista romano (Romantispecismo) ci prepariamo a camminare con il nostro spezzone critico all'interno della manifestazione nazionale contro le pellicce, auspicando la chiusura degli allevamenti di animali da pelliccia e la fine di questa moda cruenta. I giorni antecedenti sono un'odissea di proposte, c'è chi non è del tutto favorevole a partecipare ad una manifestazione con un contenuto "massivamente corretto", ma il desiderio di comunicare comunque il nostro dissenso, la speranza di trovare contatto con nuov* attivist*, amic*, compagn* e il desiderio di crescita/aggregazione del movimento ci trova solidali.

Mer, 19/11/2008 – 16:13

Vaccini e vivisezione: uninsubria celebra ancora la tortura

RINO RAPPUOLI ALL’UNINSUBRIA

LAUREA AD HONOREM IN TORTURA A SCOPI COMMERCIALI

I macabri festeggiamenti del decennale di un’università che ha costruito la propria fortuna sul sangue degli animali coinvolgono oggi una figura emblematica, cui viene conferita la laurea honoris causa in Medicina e Chirurgia.

Dopo aver invitato il ministro Maroni, tristemente noto per le sue politiche razziste; dopo aver invitato il ministro Gelmini prima che la protesta studentesca le suggerisse di non presentarsi in luoghi pubblici; dopo aver invitato Santo Versace a spiegare come si costruisce un impero commerciale sui corpi degli animali “da pelliccia”; dopo aver mostrato senza pudore tali amicizie, l’Università dell’Insubria aggiunge l’ennesimo anello a quella catena di crudeltà denunciata dalla Coalizione contro la Vivisezione nelle UniversitàOffensiva all’Uninsubria.

Lun, 17/11/2008 – 15:21

Nuova campagna di AIP: MAX MARA

AIP parte con una campagna internazionale

Dopo i recenti successi nazionali e internazionali di campagne contro le pellicce, che hanno convinto marchi di moda e grandi magazzini a non vendere o produrre più capi con inserti di vero pelo, è il momento di lanciare una nuova campagna su di un nome della moda italiana tra i più noti e diffuso in tutto il mondo.
Questa campagna, come tutte le altre lanciate finora da AIP o da network internazionali contro le pellicce, si basa sulla pressione, sull’informazione e sul boicottaggio dell’azienda, e non avrà termine fino a che non ci sarà un impegno aziendale verso una politica senza pellicce.

Mer, 12/11/2008 – 19:22

Lecce - Vitello scappa dal macello e semina il panico, ucciso dai C.C.

fonte: lecceprima.it

Supersano (Lecce) hanno visto sfrecciare [...] un vitello femmina dalla mole di 400 chili che ha tenuto letteralmente in ostaggio l’intera cittadinanza [...] paralizzando anche il traffico automobilistico.

Uno scompiglio provocato da un bovino sfuggito dal mattatoio nella zona industriale di Supersano dove sarebbe stato macellato da lì a poco. [...] Il vitello si è ribellato al suo triste destino, tenendo in allerta per circa un’ora residenti e carabinieri, sballottolati da un capo all’altro del paese per braccare l’animale inferocito. A folle velocità faceva la spola tra il centro abitato e le campagne che circondano il comune sud salentino. Era completamente fuori di sé, indomabile, riferiscono cittadini e forze dell’ordine.

Mar, 11/11/2008 – 18:41
Mer, 22/11/2006 – 13:06
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione