Altro

Altro

E' morto Colin Ward

L'11 febbraio 2010 è morto Colin Ward (14 agosto 1924), anarchico kropotkiano e fondatore della rivista Anarchy.

Ven, 19/02/2010 – 11:00

Nulla di più lontano dalla libertà - Critica al Manifesto Xenofemminista

Riceviamo e diffondiamo uno scritto di critica al Manifesto Xenofemminista:

NULLA DI PIU'LONTANO DALLA LIBERTA'
DOVE SIAMO ARRIVATE? DOVE STIAMO ANDANDO?
VERSO UN PRESENTE E UN FUTURO ALIENATO, ARTIFICIALE E DI DOMINIO

Sul Manifesto Xenofemminista

Mer, 08/03/2017 – 16:16

Di terrorismo e interviste ai giornalisti. Un chiarimento importante, un'autocritica doverosa.

Riceviamo e diffondiamo:

Rovereto 09/01/2017

Di terrorismo e interviste ai giornalisti. Un chiarimento importante, un'autocritica doverosa.

Lun, 30/01/2017 – 19:51

Stupro - L’inaccettabilità dei fatti di Parma

Riceviamo e diffondiamo:




L’inaccettabilità dei fatti di Parma

-scritto aperto a tutte/i quelle/i che vogliono ascoltare-


 

Mar, 17/01/2017 – 20:04

La riproduzione mistica dell'umano - Libere considerazioni a partire dal libro “La riproduzione artificiale dell’umano”

da piemonte.indymedia.org

LA RIPRODUZIONE MISTICA DELL’UMANO

Libere considerazioni a partire dal libro “La riproduzione artificiale dell’umano” di Alexis Escudero

Mar, 17/01/2017 – 19:50

Leggendo "La riproduzione artificiale dell'umano" - Recensione critica

Riceviamo un contributo alla discussione sul libro di A. Escudero "La riproduzione artificiale dell'umano":

Leggendo "La riproduzione artificiale dell'umano" - Ovvero di tecnologia, patriarcato e dei loro falsi critici

Contributo in pdf per la lettura [181 KB]

Sab, 07/01/2017 – 12:08

Stupro | Parma - Comunicato di Antispefa

da antispefa

(Nota: il singolare e il plurale vengono resi con la declinazione del sostantivo individualità).

Lun, 19/12/2016 – 22:40

Stupro | Parma - Comunicato di Radio Onda Rossa

da radio onda rossa

STUPRATORI E COMPLICI FIGLI DELLA STESSA CULTURA

Circa un anno e mezzo fa ci eravamo trovate e trovati a commentare dai nostri microfoni una vicenda che ci coinvolge tutte e tutti: lo stupro di una ragazza dentro uno spazio "di movimento", avvenuto cinque anni prima a Parma, dentro una sede allora gestita dalla Rete Antifascista di Parma. Un fatto emerso solo dopo molto tempo, e rimasto troppo a lungo avvolto in un silenzio preoccupante che abbiamo anche noi sottovalutato.

Lun, 19/12/2016 – 22:38
Mer, 22/11/2006 – 13:04
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione